Main menu
sostieni_educareit

La ricerca del lavoro ora parte dalla scuola

Grandi novità sul fronte del problema dell’occupazione dal punto di vista della scuola.
La manovra di Tremonti, approvata dal Consiglio dei ministri, aggiunge uno nuovo strumento di ricerca del lavoro come opportunità per i diplomandi delle scuole superiori. Queste, infatti, dovranno pubblicare sui loro siti internet i curricula dei ragazzi all’ultimo anno di corso.

Tale novità rischia di aprire un nuovo fronte di problemi agli istituti scolastici che devono affrontare una progressiva riduzione di fondi e un altro taglio al personale amministrativo; dovendo tener presente, inoltre, che non tutte le scuole hanno un proprio sito (il cui costo è valutabile in circa 4-500 euro oltre all’impegno dello scarso personale di segreteria che dovrebbe tenerlo aggiornato).

Secondo le previsioni, il curriculum dovrà essere consultabile dalle aziende gratuitamente per il termine di un anno dall’acquisizione del titolo di studio. Per le modalità tecniche si prevede un prossimo decreto, ma già è noto che la mancata iscrizione dei curricula a ClicLavoro – portale del ministero del Lavoro nato da un anno con l’obiettivo di favorire i vari servizi per l’impiego presenti sul territorio nazionale – comporterà multe pesanti, dai duemila ai dodicimila euro.

La nuova norma avrà maggiore applicazione negli istituti tecnici e professionali, che in parte già attuano questo servizio, e meno nei licei dato che circa l’80% dei diplomati continua con gli studi universitari. Perplessità diffuse sono date dal riportare in tali curricula i voti scolastici che da varie parti non sono ritenuti i più attendibili indicatori di valutazione ai fini dell’interesse delle aziende ad assumere. La possibilità di fornire servizi aggiuntivi a tale pubblicazione potrebbe permettere agli istituti di incrementare le entrate attraverso attività di promozione, assistenza e valorizzazione degli stessi curricula in fase di predisposizione e pubblicazione on line.

sostieni Educare.it visitando gli sponsor!

I contenuti provenienti da fonti esterne ad Educare.it sono di proprietà degli autori o editori che li hanno pubblicati.
Eventuali loghi e marchi presenti sotto varie forme in questo sito sono di proprietà dei rispettivi titolari.

I cookie sono necessari per il pieno utilizzo dei servizi offerti su Educare.it, comprese le funzionalità implementate attraverso terze parti.
Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.
In alternativa puoi visionare l'informativa che spiega come disattivare i cookie.