Main menu
sostieni_educareit

I cambiamenti climatici aggravano lo sfruttamento dei bambini

imgOltre mezzo miliardo di bambini vivono in aree colpite da continue inondazioni e quasi 160 milioni di bambini vivono in zone che soffrono di siccità elevata o estrema. La loro sopravvivenza e qualità di vita risentono pesantemente delle condizioni climatiche, che spesso li spingono a lavorare, per far fronte all'impoverimento della famiglia, e a migrare.

Il nuovo rapporto di "Terres des Hommes" intitolato The neglected link-effects of climate change and environmental degradation on child labour (cioè "Il legame dimenticato- effetti dei cambiamenti climatici e del degrado ambientale sul lavoro minorile") illustra come i problemi ambientali abbiano un impatto diretto sul lavoro minorile, sia per la spinta iniziale a intraprenderlo, anche attraverso la migrazione, sia per il tipo di lavoro intrapreso, oltre che sulle condizioni di lavoro, l'esposizione a sostanze tossiche pericolose e i rischi di sfruttamento.

"Se si vuole eliminare il lavoro minorile- dice Raffaele K.Salinari- presidente di Terre des Hommes Italia, è necessario tenere in considerazione le conseguenze dei cambiamenti climatici e integrare nelle politiche di protezione dell'ambiente i diritti dell'infanzia".

Lo studio, diffuso da Terre des Hommes, è uno dei primi rapporti al mondo che affronta la questione di come il degrado ambientale e i cambiamenti climatici amplifichino la vulnerabilità dei bambini allo sfruttamento lavorativo.

L'OMS stima che il 26% dei 6,6 milioni di decessi annuali di bambini sotto i cinque anni siano collegati a condizioni e cause connesse all'ambiente. L'inquinamento e il degrado ambientale hanno gravi conseguenze sui bambini, non solo in termini di tassi di mortalità, ma anche per il loro sviluppo cognitivo e fisico.

Lo studio di Terre des Hommes riporta cinque casi studio sul lavoro minorile in 5 Paesi particolarmente soggetti a fenomeni climatici estremi: Burkina Faso, India, Nepal e Perù. Le raccomandazioni che lo studio richiama alla comunità internazionale e ai governi locali sono le seguenti: "I bambini devono essere al centro delle strategie internazionali e nazionali per la mitigazione dei cambiamenti climatici, e beneficiare di parte dei fondi ad esse destinati. Le politiche internazionali per sradicare le peggiori forme di lavoro minorile devono includere i fattori ambientali come cause potenziali dello sfruttamento di bambini. Sono necessarie indagini più approfondite sulla relazione tra i cambiamenti climatici e il lavoro minorile, con programmi di prevenzione più incisivi e maggiori collegamenti tra chi si occupa delle politiche ambientali e chi si occupa dei diritti dei bambini". Le politiche sia nazionali che internazionali devono tenere in particolare considerazione la vulnerabilità dei minori migranti, offrendo loro accesso a un'istruzione di qualità e quindi a prospettive di lungo termine per non costringerli a un lavoro precoce che ne segni l'esclusione sociale.

Fonte: DIRE- Notiziario settimanale Minori, 16/6/2017

Allegati:
Accedi a questo URL (https://terredeshommes.it/pdf/CL-Report_2017_engl.pdf)CL-Report_2017_engl.pdf[ ]0.2 kB
sostieni Educare.it visitando gli sponsor!

I contenuti provenienti da fonti esterne ad Educare.it sono di proprietà degli autori o editori che li hanno pubblicati.
Eventuali loghi e marchi presenti sotto varie forme in questo sito sono di proprietà dei rispettivi titolari.

I cookie sono necessari per il pieno utilizzo dei servizi offerti su Educare.it, comprese le funzionalità implementate attraverso terze parti.
Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.
In alternativa puoi visionare l'informativa che spiega come disattivare i cookie.