images/logo-testata.png

Tutti all'università, al lavoro ci si penserà

imgAumentano sensibilmente gli iscritti alle università italiane: quasi 12 mila matricole in più rispetto allo scorso anno. Secondo i dati diffusi da Skuola.net, l’Ateneo che ha registrato l’incremento maggiore è quello di Perugia (+42%), seguito da quello di Foggia (41,7%). In crescita anche Messina (+12,7), Catanzaro (+9,7%), Politecnico di Bari (+16,1), Palermo e Salerno (+8,6%).

Inoltre, le facoltà scientifiche, scelte dal 36,7% dei neo-diplomati, hanno sorpassato quelle sociali. Da notare, infine, che in 15 anni sono raddoppiati gli studenti stranieri che scelgono le università del Bel Paese. Il cui totale si attesta a circa 14 mila. I più numerosi sono quelli di nazionalità rumena (16%), albanese (11%) e cinese (8%).

In questa "corsa all'università", i giovani trascurano le possibilità offerte da un orientamento specializzato al lavoro. Secondo un recente rapporto di Unioncamere, sono oltre 200 mila i lavoratori specializzati che le aziende italiane cercano ma non trovano. E paradossalmente, nonostante l’alto tasso di disoccupazione giovanile, è proprio tra le nuove generazioni che scarseggiano figure professionali che rispondono alla domanda delle imprese. In cima ai comparti industriali con maggior carenza di manodopera segnala quello delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, dell’elettronica e metalmeccanico. Tra i più ricercati spiccano: gli addetti alle macchine utensili, i responsabili di progetto nel settore chimico, gli elettrotecnici e gli analisti programmatori.

Fonte: West-info.eu

I cookie sono necessari per il pieno utilizzo dei servizi offerti su Educare.it, comprese le funzionalità implementate attraverso terze parti.
Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.
In alternativa puoi visionare l'informativa che spiega come disattivare i cookie.