Login
Main menu

Se non trovi la risposta che ti interessa chiedi cons oppure cerca qualcuno che ti possa aiutare

sostieni_educareit

Non vuole stare vestito

Mi chiamo Marzia e sono la mamma di Michele, che ha appena compiuto 3 anni. 
Michele é un bimbo vivace,soprattutto ama correre e saltare, ha un carattere deciso e riflessivo, prima di iniziare un nuovo gioco o di fare qualcosa che non ha mai fatto prima ha bisogno di osservare con cura, rendersi bene conto e poi provare. 

Ha sempre avuto antipatia per le scarpine, pensavo che imparando a camminare avrebbe sentito la necessità di indossarle, e così é stato ma solo per un breve periodo... Adesso non solo rifiuta scarpe e calze, ma ogni capo di abbigliamento che non siano canottiera e mutande. Sono due settimane che vestirlo é una lotta estrema; i vicini di casa si sono perfino lamentati con l'amministratore, impressionati da ore di grida.
Se chiedo aiuto a mio marito, ottengo solo che comincia a gridare e a picchiare il bimbo e io questo non lo sopporto. Risultato: lo vesto a forza, dopo la ribellione in cui si sforza oltremodo di fare pipì per farsi spogliare, si addormenta e lo porto fuori mentre dorme. Appena si sveglia ricomincia la lotta, finché non lo spoglio.
Non so se faccio bene a forzarlo. Ho perso la pace e anche i nostri bei giri al parco, gli incontri con gli amici. Ho anche pensato che potesse essere successo qualcosa fuori, che possa averlo spaventato, ma sono stata sempre accanto a lui, non ha litigato con nessuno, non l'ho mai costretto a entrare in un posto che non gli piacesse.
Tra poco sarà il suo terzo compleanno e a meno che non dia un party hawaiano (il 22 dicembre) sarà un problema anche festeggiare. Che fare? grazie fin d'ora....

 

Cara mamma Marzia,
molti bambini adorano girare nudi o seminudi per casa. Per loro è sinonimo di libertà di movimento, quindi un comportamento del tutto normale, naturale direi; viceversa per i genitori, che oltre a non sopportare di rincorrere il figlio per casa con l'intento di vestirlo, non gradiscono molto l'idea che giri svestito per casa.

Io tendenzialmente consiglio sempre di mediare le varie situazioni e quindi di trovare una soluzione che 'accontenti' un po' tutti. Ad esempio, si potrebbe pensare di "concordare" con il piccolo momenti in cui si gioca solo con mutandina e canotta, andando quindi incontro ai suoi desideri e alle sue esigenze e momenti in cui il gioco prevede di essere vestiti. Un gioco che ha quindi, come tutti i giochi, delle piccole e semplici regole da seguire ... e che valgano un po' per tutti.

Un'altra idea, potrebbe essere quella di scegliere insieme i capi da indossare, senza imporre assolutamente nulla al bambino! La mamma ed il papà potrebbero comprare un vestitino scelto direttamente dal piccolo, che quindi gli piaccia, che senta suo in tutto e per tutto. Di questi tempi poi, colori e super eroi (Spiderman, Batman) hanno la meglio!!!
Cercate sempre di preferire abiti comunque comodi e che permettano il movimento del vostro bambino: quindi un bel sì a tute e maglie non troppo aderenti e un bel no ad abiti fastidiosi, che potrebbero comprimere in un certo senso il movimento spontaneo del bimbo.

Ultimo importante suggerimento: è sempre bello vedere, per i nostri figli, che mamma e papà concordano su ciò che è meglio per loro. L'aiuto reciproco è fondamentale ma è necessario che la coppia sia conforme su ciò che viene poi scelto di fare. Urla e forzature di certo non agevolano l'operato ma incrementano lo stato di ansia e nervosismo e del piccolo e dei genitori stessi. Il bambino va ascoltato e capito e in un clima tranquillo, pacato, equilibrato il tutto sicuramente riesce meglio!

Infine, perché sottovalutare l'idea della festa hawaiana? Sarebbe una bella sorpresa per Michele, vedere che ogni tanto anche mamma e papà sono d'accordo con lui.

 


copyright © Educare.it - Anno XIII, N. 5, Maggio 2013

sostieni Educare.it visitando gli sponsor!
© Norme sul copyright
Educare.it è una rivista registrata al Tribunale di Verona il 21/11/2000 al n. 1418. Direttore Responsabile: Luciano Pasqualotto.
I contenuti sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Unported.
Se vuoi citare questo articolo o un articolo di questa sezione, leggi le istruzioni su questa pagina.
E' consentito riprodurre articoli di Educare.it esclusivamente alle presenti condizioni. Ogni abuso sarà perseguito nei termini di Legge.

I cookie sono necessari per il pieno utilizzo dei servizi offerti su Educare.it, comprese le funzionalità implementate attraverso terze parti.
Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.
In alternativa puoi visionare l'informativa che spiega come disattivare i cookie.