Main menu

Se non trovi la risposta che ti interessa chiedi cons oppure cerca qualcuno che ti possa aiutare

sostieni_educareit

Prima elementare e frequenza

Gentile Redazione,
Il direttore didattico della scuola di mio figlio ha deciso di aumentare i pomeriggi di frequenza per ottenere un insegnante in più. Io sono contraria al fatto di far stare fuori casa mio figlio tutti i giorni per ben 9 ore, considerando anche il fatto che si tratta di prima elementare. Potrebbe essere una soluzione iscrivere mio figlio ad una scuola privata per fargli fare una primina a "metà", e poterlo mandare così a settembre 2002 in seconda (dove i pomeriggi da stare a scuola sono tre invece che cinque). La scuola opera a moduli ed ho il figlio maggiore che frequenta già la seconda, quindi mi dispiacerebbe cambiarla. Confido in un consiglio.

 

Gentile signora Emanuela,
il carico di frequenza cui sono sottoposti i bambini fin dai primi anni di scuola rischia di essere effettivamente eccessivo. La riforma dell'istruzione ipotizzata dal Ministro Moratti sembrerebbe affrontare anche questo problema, attraverso l'abolizione del tempo pieno e la riduzione della frequenza obbligatoria a 25 ore settimanali in ogni ordine di scuola. Oggi le scelte circa l'organizzazione del tempo-scuola spettano al Consiglio di Circolo o di Istituto, nei quali dovrebbero essere rappresentati i genitori, in modo che non prevalgano solo ragioni organizzative ma anche la serenità ed il benessere dei piccoli alunni. Ciononostante, la situazione che descrive non è rara ed allora bisogna ricorrere a scelte che hanno forti controindicazioni, come nel suo caso. Lei conosce il suo bambino, la sua resistenza alla fatica, il suo bisogno di muoversi liberamente: valuti la soluzione migliore (ed il male minore), non escludendo la scelta di una scuola diversa da quella dove è inserito il fratello.

 


copyright © Educare.it - Anno II, Numero 6, Maggio 2002

sostieni Educare.it visitando gli sponsor!
© Norme sul copyright
Educare.it è una rivista registrata al Tribunale di Verona il 21/11/2000 al n. 1418. Direttore Responsabile: Luciano Pasqualotto.
I contenuti sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Unported.
Se vuoi citare questo articolo o un articolo di questa sezione, leggi le istruzioni su questa pagina.
E' consentito riprodurre articoli di Educare.it esclusivamente alle presenti condizioni. Ogni abuso sarà perseguito nei termini di Legge.

I cookie sono necessari per il pieno utilizzo dei servizi offerti su Educare.it, comprese le funzionalità implementate attraverso terze parti.
Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.
In alternativa puoi visionare l'informativa che spiega come disattivare i cookie.