Login
Main menu
sostieni_educareit

Panta rei

- Come sei cresciuta! - esclamavano i grandi quando mi rivedevano dopo un po’ di tempo - Sei diventata una signorina! - Sempre quella frase, la solita, pronunciata da nonni, zii, parenti, amici di famiglia per tutta la mia infanzia e, da che mondo è mondo, pronunciata a tutti i bambini del mondo (naturalmente variando il “signorina” in “giovanotto” nei maschietti).

Ed io, come tutti i bambini del mondo, rimanevo lì con un sorriso di circostanza, quasi ebete, e pensavo a quanto fosse banale quella frase, quasi sciocca: tutti i bambini del mondo crescono!
- Possibile che non abbiano nulla di piu’ originale da dire?! - pensavo e mi ripromettevo di non dire anch’io stupidaggini simili quando fossi diventata grande.

Poi gli anni sono passati, ho smesso di crescere e gli adulti hanno smesso di dirmi - Come sei cresciuta! – ma non ho smesso di ascoltare questa frase che ora è riservata ai miei due ragazzini che conquistano centimetro su centimetro di giorno in giorno come tutti i ragazzini del mondo.
Loro, con un sorriso di circostanza, accolgono la constatazione e sono certa che ogni volta pensino a quanto sia banale e solita una frase del genere.

Ma, ahime’, ora che faccio parte dell’ altra parte, ora che sono un adulto, mi scopro, mio malgrado, a pronunciare anch’io quella fatidica e scontatissima frase: - Come sei cresciuta! –.

Ed è in questi momenti, forse per dimenticare quanto mi ero ripromessa da piccola o forse perche’ negli occhi dei bambini a cui mi rivolgo ritrovo lo stesso sorriso di circostanza che avevo anch’io, è in questi momenti, appunto, che il mio pensiero corre ad Eraclito, all’acqua del fiume che scorre, al divenire.

E’ proprio vero: tutto si trasforma; l’oscuro filosofo dal pessimo carattere gia’ alcuni secoli prima di Cristo aveva colto l’essenza della vita, me ne da’ conferma il mio passaggio da bambina che ascoltava annoiata la solita frase ad adulta che pronuncia con convinzione proprio quella frase.

E’ una ruota che gira, dice la saggezza popolare, panta rei, diceva Eraclito, come sei cresciuta, dico io alla figlia della mia amica che ho appena incontrato e che non vedevo da un po’ di tempo…. e l’acqua del fiume continua a scorrere.

 


Autore: Daniela Battaglia laureata in Pedagogia; gia’ cultore di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l'Università di L'Aquila e membro di commissione d'esame per tale disciplina nei due corsi finalizzati al conseguimento della laurea quadriennale in scienze motorie tenuti presso tale Ateneo; ha collaborato al Corso Estivo di Teoria e tecnica dei nuovi media c/o la Facolta’ di Scienze della Formazione di Urbino; iscritta nell'Albo Professionale Nazionale dei Pedagogisti della FIPED. Insegnante di scuola primaria con diploma di specializzazione per l'insegnamento montessoriano; abilitata all'insegnamento nelle scuole secondarie per le materie filosofia, psicologia e scienze dell'educazione. Si occupa da diversi anni di agio-disagio scolastico e di laboratori creativi coordinando attività pedagogiche intorno a tali aspetti; persegue da sempre l’ambizioso obiettivo dello stare bene a scuola.
copyright © Educare.it - Anno VI, Numero 9, Agosto 2006

sostieni Educare.it visitando gli sponsor!
© Norme sul copyright
Educare.it è una rivista registrata al Tribunale di Verona il 21/11/2000 al n. 1418. Direttore Responsabile: Luciano Pasqualotto.
I contenuti sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Unported.
Se vuoi citare questo articolo o un articolo di questa sezione, leggi le istruzioni su questa pagina.
E' consentito riprodurre articoli di Educare.it esclusivamente alle presenti condizioni. Ogni abuso sarà perseguito nei termini di Legge.

I cookie sono necessari per il pieno utilizzo dei servizi offerti su Educare.it, comprese le funzionalità implementate attraverso terze parti.
Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.
In alternativa puoi visionare l'informativa che spiega come disattivare i cookie.