Login
Main menu

Blu

Stava arrivando il crepuscolo, eppure era sempre giorno, la luce era limpida e l’aria quella di un pomeriggio d’inverno vicino al mare: un’aria umida, fredda e trasparente.
Il cielo si colorava di rosso e a tutto quel azzurro si univano i grigi disegnati da punti, linee e curve che aleggiavano ferme nell’aria. Sembrava un disegno di una mano esperta.


Gianni guardava il cielo e vedeva i suoi colori che scendevano pian piano sulle nuvole più basse, sulle cime dei pini marittimi, e timide lame di luce giungevano fino al sottobosco senza creare ombre alle radici incontaminate. La luce si tingeva di arancione, rosso e rosa, e di quel po’ di viola che accennava al freddo dell’inverno. Non si udivano auto quel giorno, tranne qualcuna che passava lenta e lontana sulla strada principale che seguiva la costa.

Camminava vicino a suo padre lungo il marciapiede rosso che accompagnava un lato della strada. Da sinistra veniva un leggero vento che portava i profumi di pino e di rugiada, c’erano le selci, i giunchi e più sotto i rovi ingrigiti e irrigiditi dal tempo autunnale. Suo padre era alto, indossava un lungo cappotto blu marino. Lui, per non lasciarlo indietro, teneva un passo molto lento, quasi a soffermarsi seguendo il ritmo dei suoi pensieri. Una rete separava la pineta dal marciapiede sulla quale un’edera selvaggia si era abbarbicata indisturbata. Il marciapiede era intriso di rosso e pareva di gomma, tanto era caldo il suo colore. Era un rosso invernale, un po’ opaco, che accanto ai verdi degli arbusti risaltava per intensità e differenza. Il manto stradale spariva in mezzo a quei colori, rimaneva grigio, e così Gianni veniva rapito da quel corridoio rosso che profumava dell’odore dei pini, che le dune preservavano nascondendoli e lasciando traspirare il fresco profumo di verde.

Ad un certo punto il marciapiede finì e svoltarono a sinistra per imboccare la stradina che portava al mare. Era il percorso che faceva d’estate con la mamma quando andava sulla spiaggia, carico di secchiello, rastrello e palette con la mente ai castelli di sabbia, alle piste con le palline di gomma, ai giochi con i bimbi scaldato dalla rena ardente dopo il bagno in mare.
Ora quella stradina gli appariva diversa, eppure era la stessa di quei giorni caldi nei quali le cicale, come impazzite, sembravano urlare a tutti la gioia di vivere, e dove lo strascinare delle ciabatte sulla stradina sabbiosa dava un ritmo a quel cantico interminabile.
Questa volta non c’era niente di quel tempo, ma una cosa era rimasta, sembrava aspettasse lui per il congedo di settembre: in mezzo alla via, era ferma immobile un’isoletta di cemento, coperta di sabbia ed erba, a forma di barca con le punte arrotondate rivolte l’una verso il mare, l’altra verso la strada. Era la sua navetta dell’estate, ed ogni volta che la vedeva non poteva far altro che salirci sopra per affrontare il mare. Quel mare azzurro di agosto che ora immaginava tinto di blu. Di un blu metallico come la luce dell’aria invernale; e poi c’erano i profumi delle piante selvatiche che mischiate al sapore del mare lo penetravano dandogli l’impressione di essere tra la terra e il mare, tra la sabbia e l’acqua marina. Camminava agile sopra la “coperta” della nave che ad ogni passo ritornava “sua”. Da lassù vedeva le dune della spiaggia deserta che si allontanavano a dismisura divenendo isole sconosciute a cui far approdo prima di giorno. Voleva raggiungerle ad ogni costo, quelle isole che immaginava di toccare nei sogni. Ma non riusciva a vedere l’orizzonte dietro di esse, si allungava sulle punte; ma non ce la faceva. Vide così un miscuglio di colori, di rossi intrecciati a viola e di un unico arancione da cui partivano linee grigie immense in orizzontale, come ponti sottili posati sul mantello del mare.

sostieni_educareit

L’orizzonte non era più quella linea ferma che separa il mare dal cielo, era un misterioso immenso globo da cui uscivano fasci di luce che si muovevano in mezzo al mare e al cielo. Qualcosa di nuovo stava accadendo in quel momento, laggiù dove il giorno stava per finire e dove la notte stava per iniziare.
Lasciò stare per un attimo il suo viaggio perché era forte in lui la tentazione di vedere e toccare adesso il mare. Scese dalla nave, guardò suo padre che si era soffermato ad aspettarlo e gli fece cenno di seguirlo fino al mare. Gli disse correndo: “voglio vedere se il mare è blu, e voglio toccare la rena bagnata”. Correva forte, più forte che mai, ed era felice perché sentiva crescere la sensazione che produceva dentro, di un calore intenso ed asciutto come quello che si prova sotto il sole. E sentiva in gola i palpiti del cuore. A un tratto non sentì più nulla, non vide più nulla davanti a sé, soltanto la notte. Tutti quei colori, il cielo e il mare erano attirati dall’oscurità che si allungava su tutto. Sforzò la vista sui suoi piedi bagnati d’acqua gelida e pian piano allontanò lo sguardo verso il largo e vide tutto l’insieme, tutto in una volta proprio quel mare blu che aveva sognato. Un blu metallizzato con la sua voce profonda: la voce del mare d’inverno.

 


copyright © Educare.it - Anno VI, Numero 11, Ottobre 2006

sostieni Educare.it visitando gli sponsor!
© Norme sul copyright
Educare.it è una rivista registrata al Tribunale di Verona il 21/11/2000 al n. 1418. Direttore Responsabile: Luciano Pasqualotto.
I contenuti sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Unported.
Se vuoi citare questo articolo o un articolo di questa sezione, leggi le istruzioni su questa pagina.
E' consentito riprodurre articoli di Educare.it esclusivamente alle presenti condizioni. Ogni abuso sarà perseguito nei termini di Legge.