Main menu
sostieni_educareit

Il disturbo specifico dell’apprendimento musicale: l’Amusia

amusiaLo studio dei disturbi dell’Apprendimento (DSA) è stato orientato principalmente ai deficit in competenze di base dello studente: lettura (Dislessia), scrittura (Disgrafia) e capacità di calcolo (Discalculia), talvolta trascurando altri disturbi specifici non meno insidiosi e sommersi come l’Amusia. L’obiettivo di questo articolo è richiamare l’attenzione su questo deficit, capace di influire negativamente sugli apprendimenti e sulle abilità sociali.

Introduzione

A differenza della Dislessia, Discalculia o Disgrafia, l’Amusia non ha - almeno in Italia- ampio spazio nella letteratura specialistica e neppure nella manualistica “speciale”. Eppure il primo studio sperimentale sulla compromissione delle capacità musicali fu compiuto già nel 1962 su pazienti cerebrolesi e la completa descrizione del disturbo, ancora in fase di definizione, è leggibile in una sterminata produzione di articoli (n. 150) sul tema prodotti da Isabelle Peretz (2003).
Le conoscenze utilizzate per la codifica, categorizzazione e descrizione di questo de-ficit pervengono dalle scoperte delle Neuroscienze sulla localizzazione delle funzioni cognitive nel cervello. Gli studi in ambito musicale si sono attardati, invece, sulla ricerca di correlazioni fra abilità, lin-guaggio, emozioni e intelligenza, postulando l’esistenza di un dispositivo neuronale complesso e autonomo deputato all’emersione della conoscenza musicale (Toto, 2016).


 

Autore: Giuseppe Toto, già dottore di ricerca in Scienze dell’antichità, attualmente è iscritto al dottorato in “Educazione, Comunicazione e Formazione” con una tesi in “Psicologia e Musica”. Insegna nella scuola secondaria ed ha pubblicato diverse monografie sulla storia degli studi grammaticali, sulla teoria e sulla prassi didattica, sulla psicologia musicale.

copyright © Educare.it - Anno XVI, N. 10, ottobre 2016

L'articolo completo in italiano è disponibile in allegato per gli abbonati.

sostieni Educare.it visitando gli sponsor!
© Norme sul copyright
Educare.it è una rivista registrata al Tribunale di Verona il 21/11/2000 al n. 1418. Direttore Responsabile: Luciano Pasqualotto.
I contenuti sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Unported.
Se vuoi citare questo articolo o un articolo di questa sezione, leggi le istruzioni su questa pagina.
E' consentito riprodurre articoli di Educare.it esclusivamente alle presenti condizioni. Ogni abuso sarà perseguito nei termini di Legge.

I cookie sono necessari per il pieno utilizzo dei servizi offerti su Educare.it, comprese le funzionalità implementate attraverso terze parti.
Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.
In alternativa puoi visionare l'informativa che spiega come disattivare i cookie.