Login
Main menu

Quando i compiti diventano un problema. Suggerimenti operativi per educatori di bambini iperattivi

 

11 - Il ruolo della scuola

La fretta di iniziare a fare i compiti può portare al fallimento di tutto il progetto e per questo è necessario sensibilizzare la scuola affinché a sua volta abbia pazienza; un piccolo rallentamento del lavoro scolastico (assegnazione di pochi compiti, ripassi frequenti di uno stesso argomento...) per permettere l'instaurarsi di una buona relazione educativa, sarà ripagata con risultati sia sul piano del rendimento che del comportamento.
La programmazione scolastica infatti prevede la possibilità di individualizzare la didattica anche temporaneamente, pur non in presenza di una certificazione di handicap, anche per quei bambini con disturbi dell'apprendimento.
La scuola italiana infatti, deve rendere disponibili risorse di sostegno e recupero sia per gli alunni con ritardo mentale, sia per quelli con disturbi dell'apprendimento (17).
Ciò non significa soltanto ore di sostegno in più, ma una ricca pluralità di risorse che comprendono anche l'evoluzione della didattica ordinaria, la messa in atto di interventi educativi ordinari/individuali, la riorganizzazione dei tempi e degli spazi oltre a modifiche ed adattamenti dei materiali didattici (18).
Nel caso dei bambini iperattivi ciò può rendersi necessario onde evitare deleteri fallimenti.
Purtroppo, come sottolineato da Albert Bandura, nella scuola esistono alcune pratiche che, nel caso degli alunni meno dotati o meno preparati (o con problemi di attenzione, aggiungo io), tendono a trasformare le esperienze didattiche in occasioni per l'apprendimento dell'inefficacia (19).
La collaborazione fra scuola, famiglia ed operatori è dunque fondamentale poiché si facilita la costituzione di un intervento globale, efficace, mirato e non l'accavallarsi di micro-interventi, spesso anche in contrasto fra loro.
Si pone pertanto l'esigenza di un esteso e intenso collegamento fra tutte le risorse che, con competenze e professionalità differenti si occupano della problematica minorile (20).
Gli operatori, lavorando in parallelo, dovrebbero sfruttare tutte le risorse, in modo intelligente e coordinato, con un coinvolgimento ben organizzato della scuola e della famiglia (21).
Chi si trova ad avere a che fare con bambini iperattivi dunque, è chiamato ad un compito estremamente difficile e necessita di notevoli capacità di adattamento, tanto più in quelle situazioni quali lo svolgimento dei compiti scolastici che richiedono attenzione, concentrazione, capacità di controllo dello sforzo mentale, tutte qualità che nei ragazzini iperattivi, è necessario strutturare adeguatamente.

sostieni_educareit



12 - Lo spazio di lavoro

Un ultimo aspetto da analizzare, relativamente allo svolgimento dei compiti scolastici, è la preparazione dello spazio di lavoro.
In un modo ideale i bambini dovrebbero avere un loro "ufficio" ben organizzato in casa (22); tanto più i bambini iperattivi necessitano di un luogo stabile deputato allo svolgimento dei compiti scolastici.
Dato che una delle caratteristiche di questi bambini è quella di disperdere l'attenzione nella ricerca del materiale (vagano continuamente alla ricerca di penne, matite, gomme, righelli....) cosa che comporta l'interruzione continua del lavoro, l'educatore dovrà essere particolarmente abile nell'allestimento "preventivo" dello spazio per i compiti a casa.
Tale spazio prima di tutto, dovrebbe essere allestito se possibile fuori dalla camera da letto.
I bambini iperattivi infatti, non riescono a concentrarsi o a studiare nella stanza in cui dormono (22), e ciò è dovuto principalmente alle alterazioni sonno-veglia cui sono sottoposti.
Siccome trovano quasi impossibile rimanere attenti nella stessa camera dove faticano tanto ad addormentarsi, si spostano spontaneamente in cucina o nel salotto per studiare. (22).
Il luogo deputato al lavoro dovrà in seguito essere organizzato in base alle seguenti caratteristiche:

  • rapida reperibilità e fruibilità del materiale di lavoro;
  • mantenimento del piano di lavoro il più possibile ordinato;
  • riduzione di elementi di distrazione in prossimità del luogo di lavoro;
  • possibilità di consultare rapidamente un calendario, ciò al fine di pianificare di volta in volta il lavoro per i giorni successivi e di cancellare ogni sera, prima di andare a letto i compiti fatti durante la giornata;
  • evitare di avere orologi o sveglie a portata di mano.

Tutto ciò faciliterà ulteriormente lo svolgimento dei compiti, riducendo al minimo gli elementi di distrazione e permettendo di avere sotto controllo tutta la situazione.
È da notare inoltre che mentre il bambino cerca di fare i compiti, il resto della famiglia, se in casa, dovrebbe collaborare evitando di svolgere attività rumorose.
I suoni provenienti dal televisore, le risate, il rumore di elettrodomestici della cucina sono elementi di grande distrazione per il bambino iperattivo.
La strutturazione del luogo adatto per lo svolgimento dei compiti avverrà per tentativi, così come l'individuazione delle condizioni ottimali allo studio: alcuni ragazzi ad esempio, sostengono che per studiare hanno bisogno di ascoltare musica in sottofondo.
Diamogliene la possibilità: a volte la musica da il ritmo allo studio, a volte serve ad escludere altri elementi di distrazione (22).
Se non funziona, sarà necessario imporre nuovamente il silenzio.
In conclusione, l'attuazione di adeguate strategie - attraverso la mediazione dell'edutaore - è fondamentale al fine di raggiungere risultati concreti, oltre una buona dose di pazienza da parte di tutti i soggetti coinvolti, a cominciare dal bambino stesso.

 


Note:

 

1. Marzocchi, Gian Marco et al.: Il bambino con Deficit d'Attenzione/Iperattività, Trento, Erickson, 1999
2. Kirby, Edward A- Grimley, Liam K: Disturbi dell'attenzione e iperattività, Trento, Erickson, 1989
3. Gallucci, Franco: Appunti relativi ad un incontro con educatori ed insegnanti presso l'Azienda Sanitaria di Firenze- 1996
4. Mc Phillimy, Bill: Controlling your class- a teacher's guide to managing classroom behaviour, Chichester, John Wiley & Sons, 1996
5. Foxx, Richard M.: Tecniche base del metodo comportamentale, Trento, Erickson, 1986
6. Taylor, Eric: The Hyperactive child, Oxford, The Alden Press, 1995
7. Fontana, David: Manuale di psicologia per gli insegnanti, Trento, Erickson, 1996
8. Mangani, Massimo: L'intervento educativo domiciliare con bambini DDAI, in "A.I.D.A.I. Newsletter", Febbraio 2001
9. Rizzolatti, Giacomo – Sinigaglia, Corrado: So quel che fai, Milano, Raffaello Cortina, 2006
10. Cambi, Franco: L'autobiografia: uno strumento di formazione dei formatori, in Catarsi,
11. Enzo (a cura di): La relazione di aiuto nella scuola e nei servizi socioeducativi, Tirrenia, Del Cerro, 2004
12. Milani, Paola: Relazione e educazione, alcuni nessi, in Catarsi, Enzo (a cura di): La relazione di aiuto nella scuola e nei servizi socioeducativi, Tirrenia, Del Cerro, 2004
13. Jones et al., Didattica per problemi reali, Trento, Erickson, 1999
14. Mangani, Massimo: matematica e tabelline: un approccio per i bambini iperattivi, in "A.I.D.A.I. Newsletter", Febbraio 2003
15. Lomax, Alan: La terra del Blues, Milano, il Saggiatore, 1993
16. Trisciuzzi, Leonardo: Elogio dell'educazione, Pisa, ETS, 1995
17. Demetrio, Duccio: Educatori di professione, Firenze, La Nuova Italia, 1990
18. Ianes, Dario - Celi, Fabio: Il Piano Educativo Individualizzato 1999-2001, Trento, Erickson, 1999
19. Ianes, Dario - Cramerotti, Sofia: Il Piano Educativo Individualizzato, Progetto di Vita 2005-2007, Trento, Erickson, 2005
20 . Bandura, Albert: Autoefficacia, teoria e applicazioni, Trento, Erickson, 2000
21. Gardini, Maria Pia - Tessari, Marina: L'assistenza domiciliare per i minori, Roma, La Nuova Italia Scientifica, 2001
22. Cornoldi, Cesare: Le difficoltà di apprendimento a scuola, Bologna, Il Mulino, 1999
23. Levine, Mel: I bambini non sono pigri, Milano, Mondadori, 2005.


Autore: Massimo Mangani, docente specializzato presso la Scuola Media Statale "Francesco Redi"- Bagno a Ripoli (FI).


copyright © Educare.it - Anno VII, Numero 6, Maggio 2007 

 

Quando i compiti diventano un problema. Suggerimenti operativi per educatori di bambini iperattivi
sostieni Educare.it visitando gli sponsor!
© Norme sul copyright
Educare.it è una rivista registrata al Tribunale di Verona il 21/11/2000 al n. 1418. Direttore Responsabile: Luciano Pasqualotto.
I contenuti sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Unported.
Se vuoi citare questo articolo o un articolo di questa sezione, leggi le istruzioni su questa pagina.
E' consentito riprodurre articoli di Educare.it esclusivamente alle presenti condizioni. Ogni abuso sarà perseguito nei termini di Legge.