Main menu
sostieni_educareit

Un dottore speciale

imgHa avuto molto successo l'inizio della serie televisiva sul piccolo schermo di  "The good Doctor". Il protagonista, un giovane medico, è affetto dalla sindrome di asperger, forma di autismo nella quale tuttavia non sono compromesse le funzioni cognitive, come dimostra Shaun Murphy che evidenzia spiccate capacità di memorizzazione e focalizzazione delle problematiche sanitarie che affronta nelle corsie dell'ospedale dove lavora. Nelle meccaniche ripetizioni dei gesti quotidiani che scandiscono la sua giornata Shaun sembra vivere in una sola univoca direzione, al di fuori del sarcasmo, ironia, sottintesi, i risvolti delle relazioni comunicative interpersonali delle quali non comprende il senso e il significato.

Nella  sindrome di asperger, classificata nei manuali come il DSM V "disturbo dello spettro autistico ad alto funzionamento" lo sviluppo più accentuato della parte destra del cervello porta proprio a implementare le funzioni di questa area cerebrale che presiede alle funzioni uditive, visive e logico-matematiche. La diversità, all'apparenza così semplice e spontanea del giovane medico, affascina  gli spettatori, ci invita ad aprire gli occhi sui cosiddetti diversamente abili che rifiutano gli schemi sociali, le conformità alle regole senza peraltro essere deficitari dal punto di vista cognitivo.

Erano affetti dalla sindrome di asperger diverse menti geniali che hanno lasciato tracce importanti in ambito artistico e creativo (Mozart, Einstein, Steve Jobs, Buonarroti, Newton, Van Gogh, Darwin, Hitchcock). Forse tutti vorremmo essere curati dal dottor Shaun e imparare da lui che la conoscenza è, nonostante tutto, frutto di impegno e passione, senza giudizi o pregiudizi sulla diversità che coglie di sorpresa chi la evita o la condanna senza motivo.

sostieni Educare.it visitando gli sponsor!

I contenuti provenienti da fonti esterne ad Educare.it sono di proprietà degli autori o editori che li hanno pubblicati.
Eventuali loghi e marchi presenti sotto varie forme in questo sito sono di proprietà dei rispettivi titolari.

I cookie sono necessari per il pieno utilizzo dei servizi offerti su Educare.it, comprese le funzionalità implementate attraverso terze parti.
Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.
In alternativa puoi visionare l'informativa che spiega come disattivare i cookie.