Main menu
sostieni_educareit

70 volontari in estate per la scuola in ospedale

scuola in ospedaleSettanta docenti e 24 operatori di segreteria rinunceranno alle ferie per fare scuola in ospedale a Bergamo durante l’estate. La scuola estiva, partita lo scorso anno grazie a un progetto dell’associazione «Con Giulia» – dedicata a Giulia Gabrieli – in collaborazione con la direzione dell’ospedale Giovanni XXIII e l’Ufficio scolastico bergamasco, aveva raccolto subito una quarantina di adesioni da parte di docenti, dalla primaria alle superiori , che avevano frequentato un corso di formazione per affrontare gli allievi in pigiama e dedicare poi undici settimane a lezioni individuali e di gruppo. Ma anche a giochi e cineforum, secondo l’età dei ragazzi e dei bambini coinvolti.

Quest’anno i partecipanti al corso di formazione sono quasi raddoppiati, mentre un bilancio del primo anno di attività è stato offerto al convegno organizzato presso l’Istituto Natta. Il progetto della scuola estiva è infatti unico in Italia e l’idea , come ha spiegato Antonella Giannellini dell’Ufficio scolastico, è di farne una «buona pratica» un modello esportabile anche in altri ospedali.

Motore del progetto della scuola estiva è l’associazione «Con Giulia», che raccoglie familiari e amici della quattordicenne Giulia Gabrieli, morta il 19 agosto 2011, che ha raccontato la sua lotta contro la malattia (ma anche la sua tenace capacità di vivere e progettare il futuro) nel libro «Un Gancio in mezzo al cielo», pubblicato dalle edizioni Paoline e giunto alla decima ristampa. Proprio la scuola, frequentata a distanza via Skype, e il supporto datole dalla presenza degli insegnanti in ospedale erano stati per lei un importante punto di riferimento.

Per questo l’associazione ha deciso di promuovere progetti in questa direzione, a completamento della «Scuola in pigiama» che quest’anno conta 566 alunni tra scuola dell’infanzia e primaria, seguiti da 8 insegnanti, con 113 studenti iscritti alla scuola secondaria con tre docenti. La scuola in ospedale è raccordata a due istituti statali che la considerano una propria sezione: all’Istituto comprensivo Savoia-Nullo, diretto da Orietta Beretta, fanno capo infanzia e primaria, all’Istituto Mamoli, diretto da Giovanna Gargantini, il ciclo della secondaria.

Fonte: L’Eco di Bergamo, 25/05/2014

sostieni Educare.it visitando gli sponsor!

I contenuti provenienti da fonti esterne ad Educare.it sono di proprietà degli autori o editori che li hanno pubblicati.
Eventuali loghi e marchi presenti sotto varie forme in questo sito sono di proprietà dei rispettivi titolari.

I cookie sono necessari per il pieno utilizzo dei servizi offerti su Educare.it, comprese le funzionalità implementate attraverso terze parti.
Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.
In alternativa puoi visionare l'informativa che spiega come disattivare i cookie.