Main menu
sostieni_educareit

Soprattutto in Africa i bambini del futuro

bambini africaniSecondo il nuovo Rapporto UNICEF “Generazione 2030 Rapporto Africa” alti tassi di fertilita’ e un numero crescente di donne in eta’ riproduttiva faranno si’ che, nel corso dei prossimi 35 anni, quasi due miliardi di bambini nasceranno in Africa; la popolazione del continente raddoppiera’; la sua popolazione sotto i 18 anni aumentera’ di due terzi per raggiungere quasi un miliardo di bambini.

Tra le piu’ importanti novita’ che emergono dal rapporto: il massiccio spostamento della popolazione infantile mondiale verso l’Africa. Le proiezioni indicano che entro il 2050, circa il 40% di tutte le nascite, e circa il 40% di tutti i bambini, avverranno in Africa.

Secondo il rapporto dell’UNICEF, un aumento previsto senza precedenti delle dimensioni della popolazione infantile dell’Africa puo’ dare ai politici una opportunita’ – una volta-in-una-generazione – per realizzare una strategia di investimento sull’infanzia, che consenta al continente e al mondo di raccogliere i frutti della transizione demografica.

“Questo rapporto deve essere uno stimolo per il dialogo globale, regionale e nazionale sui bambini dell’Africa”, ha detto Leila Gharagozloo-Pakkala, Direttore Regionale dell’UNICEF per l’Africa orientale e meridionale. “Investendo ora sui bambini- nella loro salute, istruzione e protezione – l’Africa potrebbe rendersi conto dei benefici economici sperimentati in precedenza da altre regioni e paesi che hanno subito simili cambiamenti demografici”.

Mentre i tassi di sopravvivenza infantile sono migliorati in tutta l’Africa, il continente ha ancora circa la meta’ delle morti infantili a livello globale, e la percentuale potrebbe salire a circa il 70% entro il 2050. Il Rapporto rileva che tre bambini africani su 10 vivono in contesti fragili e di conflitto, e che quasi il 60% degli africani potrebbero vivere in citta’ entro il 2050. Il Rapporto sottolinea la situazione della Nigeria, che ha gia’ il maggior numero di nascite nel continente, e che entro il 2050 avra’ quasi una nascita su 10 a livello globale.

Un programma basato sull’equita’ e politiche per l’infanzia aiuteranno a determinare se i bambini africani possono trasformare il continente e rompere il circolo vizioso della poverta’ e della disuguaglianza, ha detto Manuel Fontaine, Direttore regionale UNICEF per l’Africa occidentale e centrale. “Tuttavia – ha spiegato -, se gli investimenti sull’infanzia dell’Africa non rappresentano la priorita’, il continente non sara’ in grado di trarre pieno vantaggio dalla sua transizione demografica nei prossimi decenni. Senza politiche eque e inclusive, il ritmo di crescita della popolazione potrebbe potenzialmente minare i tentativi di sradicare la poverta’ e aumentare le disparita’”.

Questa è una notizia dell’agenzia Asca riportata da Internazionale, 13/08/2014

sostieni Educare.it visitando gli sponsor!

I contenuti provenienti da fonti esterne ad Educare.it sono di proprietà degli autori o editori che li hanno pubblicati.
Eventuali loghi e marchi presenti sotto varie forme in questo sito sono di proprietà dei rispettivi titolari.

I cookie sono necessari per il pieno utilizzo dei servizi offerti su Educare.it, comprese le funzionalità implementate attraverso terze parti.
Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.
In alternativa puoi visionare l'informativa che spiega come disattivare i cookie.