Main menu

Se non trovi la risposta che ti interessa chiedi cons oppure cerca qualcuno che ti possa aiutare

sostieni_educareit

La morte del nonno

La settimana scorsa, mia figlia Marianna, di quattro anni e mezzo, ha perso il nonno materno.

La drammaticità del momento è stata ampliata dal fatto che Marianna ha assistito a quanto è accaduto: eravamo in gita, in montagna con i nonni, quando mio suocero ha cominciato ad avere problemi respiratori; Marianna ha quindi visto il massaggio cardiaco, la respirazione artificiale, l'arrivo dell'ambulanza, il tentativo di rianimazione, il suo nonno portato via in elicottero. Marianna continua a chiedere del nonno, a cui era legata da un rapporto meraviglioso.

Per ora le abbiamo detto che il nonno è in ospedale e che non tornerà a casa per un bel po'. Ma a me sembra che abbia capito perfettamente la situazione, anche perché non è facile per noi nascondere la nostra tristezza.
Sarebbe di grande aiuto per noi sapere come comportarci ora e nel prossimo futuro, cosa dirle, che tipo di spiegazione darle, e così via. Potreste darmi il Vostro parere?

 

Gentile Signor Marco,
per Marianna la perdita del nonno materno è stata sicuramente un trauma, non solo perché questa figura parentale è importante per un bambino, ma soprattutto per come questo evento è avvenuto e perché non è stata preparata al distacco.

Questo non vuol dire però che non debba essere orientata a conoscere e a capire questo momento. Infatti, a quattro anni e mezzo Marianna è sicuramente in grado di concepire la morte come un evento del tutto naturale e conseguente allo stadio della vita. Se tutto ciò viene spiegato senza incertezza.Marianna deve essere condotta per mano affinché capisca in modo sincero e senza confusione che il nonno ha oltrepassato questo stadio, che con la morte ha cessato la sua vita fisica, ma certamente non è cessata quella affettiva.

Sollecitatela a parlarne e vi renderete conto che è ciò che stava aspettando. Chiarite però con lei un fatto importante: che la morte non ha niente di spaventoso, ma che è appunto un evento della vita.
Così come cessa la vita di un bellissimo fiore, così come cessa quella di un buffo e simpatico animaletto, così cessa anche quella dell'uomo. Così è avvenuto per il nonno. Questo perché la vostra bambina non possa fraintendere il processo del morire, ma invece perché possa crescere senza incertezze verso questo argomento.

E' necessario quindi, che non le nascondiate ancora la morte del nonno (anche se comprendo che per amore a volte diventa spontaneo), che non permettiate che in futuro colleghi qualsiasi assenza alla malattia, non fatela sentire ingannata.
Marianna ha capito benissimo che l'assenza del nonno è ben diversa da come l'avete descritta e sta aspettando appunto di avere una conferma dai suoi genitori, figure molto importanti per il suo sviluppo, di trovare conferma in ciò che ha già compreso.

Sarà triste, piangerà, si arrabbierà, per sopportare il dolore userà degli atteggiamenti difensivi anche la vostra bambina, esattamente come accade per gli adulti, ma anche questo fa parte di un processo di crescita necessario che le consentirà di costruirsi un suo mondo interiore ed una autonomia personale.

Ma soprattutto sarà aiutata nella crescita ad elaborare dei lutti che altrimenti rimarrebbero irrisolti.

 


copyright © Educare.it - Anno I, Numero 11, ottobre 2001

sostieni Educare.it visitando gli sponsor!
© Norme sul copyright
Educare.it è una rivista registrata al Tribunale di Verona il 21/11/2000 al n. 1418. Direttore Responsabile: Luciano Pasqualotto.
I contenuti sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Unported.
Se vuoi citare questo articolo o un articolo di questa sezione, leggi le istruzioni su questa pagina.
E' consentito riprodurre articoli di Educare.it esclusivamente alle presenti condizioni. Ogni abuso sarà perseguito nei termini di Legge.

I cookie sono necessari per il pieno utilizzo dei servizi offerti su Educare.it, comprese le funzionalità implementate attraverso terze parti.
Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.
In alternativa puoi visionare l'informativa che spiega come disattivare i cookie.