Main menu

Se non trovi la risposta che ti interessa chiedi cons oppure cerca qualcuno che ti possa aiutare

sostieni_educareit

Una bambina molto difficile

Sono la mamma di una bambina di tre anni e mezzo che è nata prematura alla 32esima settimana. Non sembra aver avuto particolari problemi fisici, ma da un punto di vista comportamentale le cose sono diverse.

Ha sempre avuto un carattere forte ma da circa un anno le cose hanno cominciato a peggiorare in modo graduale ma tale che ora siamo molto preoccupati. Non è mai stato semplice alimentarla perché ha sempre mangiato quando e come voleva, ma ora è difficilissimo: mangia pochissimo e quasi esclusivamente gelati, latte e poca pasta o riso e pochissimo altro, anche se si ingozzerebbe di biscotti e merendine (che abbiamo eliminato dalla dieta). E' quasi impossibile farle accettare delle regole (se decide di restare nuda anche se c'è freddo lo fa).
La fermezza non ha alcun risultato così come l'uso della forza (ad esempio rivestirla anche se non vuole).

E' aggressiva: io, il papà e il fratello di 9 anni abbiamo tutti segni di graffi. E' anche autolesionista nel senso che si strappa i capelli, si graffia e si picchia. Urla fortissimo, gioca quasi esclusivamente a raggruppare e sovente mettere in lunghe file oggetti simili (giocattoli o altro) oppure li lancia, in ogni caso i suoi tempi di gioco non superano i 10 minuti.
La sua attenzione sembra fermarsi solo con i libri (ma solo se è lei a volerlo), con la televisione (trasmissioni tipo la Melevisione sembrano avere un effetto calmante) e con il computer.
Tutto ciò che è di suo fratello la attira moltissimo, il che mi sembra naturale, ma non è possibile farle intendere ragione e molto spesso non gli permette di giocare perché gli strappa via di mano tutti i giochi o glieli lancia addosso.
Abbiamo provato a coinvolgerla ma senza troppi risultati così bisogna allontanarla.
Il suo linguaggio è abbastanza complesso ma le parole sono quasi tutte pronunciate male e i discorsi sono piuttosto a senso unico, nel senso che non si riesce sempre a farsi rispondere.
In certi momenti è una bambina affettuosa, che collabora e che dimostra capacità di apprendimento (sa contare fino a 10, conosce tutti i colori, i nomi dei personaggi delle sue favole). Così noi non vorremmo esagerare ma nemmeno sottovalutare: secondo Voi è un comportamento passeggero o è meglio non aspettare e far visitare la bambina?

sostieni_educareit

 

Cara signora,
ho ascoltato con molta attenzione le sue parole, ho provato ad immaginare la sua bambina e a comprendere fino in fondo il disagio che lei prova e sperimenta dentro di me al punto tale da renderle oggi così complicato il vivere.

Voglio essere assolutamente onesta e sincera con lei. Avrei moltissime domande da farle ed altrettanti buoni consigli da darle ma, mi creda, è giusto per voi genitori e rispettoso per sua figlia che a queste difficoltà di crescita sia dedicato un tempo più ampio ed uno spazio più completo di questo. Vale a dire signora che è giusto per tutti voi che consultiate un esperto non solo on line. Quasi certamente questi disagi sono solo tracce di questa nascita prematura, ma forse per curare queste "ferite" interiori c'è bisogno di un contatto diretto e di una guida vicina per voi. Tutti voi avete diritto ad una esperienza più serena e potete averla.
In ogni caso io inizierei con un controllo sistematico neuropsichiatrico e poi con una terapia di aiuto psicologico. Tra l'altro nella sua lettera non mi dice nulla della scuola. Perché? Deve ancora iniziare?
Mi scriva ancora. Con l'impegno di ciascuno, vedrà che tutto si risolverà.

 


copyright © Educare.it - Anno I, Numero 7, Giugno 2001

sostieni Educare.it visitando gli sponsor!
© Norme sul copyright
Educare.it è una rivista registrata al Tribunale di Verona il 21/11/2000 al n. 1418. Direttore Responsabile: Luciano Pasqualotto.
I contenuti sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Unported.
Se vuoi citare questo articolo o un articolo di questa sezione, leggi le istruzioni su questa pagina.
E' consentito riprodurre articoli di Educare.it esclusivamente alle presenti condizioni. Ogni abuso sarà perseguito nei termini di Legge.

I cookie sono necessari per il pieno utilizzo dei servizi offerti su Educare.it, comprese le funzionalità implementate attraverso terze parti.
Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.
In alternativa puoi visionare l'informativa che spiega come disattivare i cookie.