Educare.it - Rivista open access sui temi dell'educazione - Anno XXIV, n. 6 - Giugno 2024

Giochi educativi

Sono una mamma di 32 anni ed ho un bimbo di quasi due. 
Mi piacerebbe conoscere qualche tecnica di gioco educativo da poter praticare con il piccolo, in famiglia o con gli amichetti che frequentano la nostra casa.
Mi sono spesso resa conto di non essere abbastanza attrezzata nel proporre le attività adeguate.

Vi pregherei di darmi anche qualche consiglio su testi che trattino l'argomento.

 

Brava a questa mamma che ha capito quanto è importante il gioco per i piccoli, soprattutto quello attivo e interattivo fra bambino e adulto/i o con i coetanei. Il gioco è, infatti, per i bambini occasione e prova di sperimentazione, apprendimento, realizzazione e comprensione di sé e della realtà.

Innanzitutto va detto che per i bambini così piccoli, intorno ai 24 mesi, e su fino all’età della scuola materna e oltre, due sono i grandi ambiti di gioco utili ed adatti: quello PSICOMOTORIO, relativo alle esperienze fatte col corpo strettamente interconnesso con l’evolversi della mente, e quello della MANIPOLAZIONE in cui, ancora attraverso il corpo e il tatto, il bambino scopre e sperimenta vari materiali, affinando le sue capacità sensoriali e strutturando la materia e lo spazio intorno a sé. Ci sono poi le attività inerenti alla comunicazione e il linguaggio, che sempre più, dai due anni in poi, si configurano, stabilizzano ed ampliano. Per quanto riguarda, infine, i giochi di gruppo socializzanti, per una vera e propria conoscenza e accettazione degli altri e della convivenza, bisognerà aspettare dopo i 3-4 anni; infatti, per il bambino di circa due anni, è stata coniata l’espressione di "gioco parallelo", perché a quest’età, il bambino prevalentemente considera centrale la figura dell’adulto, con cui ha un intenso legame affettivo ancora somigliante alla dipendenza, mentre nei confronti dei suoi simili ha un atteggiamento di conoscenza osservativa. Questo non significa, però, che il piccolo non debba o non voglia stare in mezzo agli altri a divertirsi ed imparare, immergendosi in esperienze in comune.

A livello generale, posso suggerirle dei giochini: ad esempio, per una proposta psicomotoria, i bambini si divertono molto col classico gioco del "Sacco pieno - sacco vuoto" in cui simbolizzano un oggetto altro da sé e cominciano ad associare e coordinare movimenti e significati; se si hanno spazi grandi e tanti bambini, invece, i piccoli non potranno che appassionarsi al gioco del "semaforo", in cui un adulto fa da semaforo con dei dischetti giallo-rosso-verde. Quando si alza il dischetto rosso, i bambini devono restare fermi, quando si alza quello verde possono camminare o correre, quando c’è il disco giallo devono camminare sul posto. Imparano così, anche qui, ad associare ed apprendere colori e movimenti, simboli e significati , nonché divertirsi infinitamente simulando una situazione di "traffico impazzito".

Dal punto di vista della manipolazione, invece, ci sono i classici giochi con l’acqua che rilassa e coinvolge sempre i piccoli con imbuti, travasi e contenitori di varia grandezza e consistenza, oppure la tradizionale ricetta della pasta sale o pane (farina, sale e acqua quanto basta, nonché colore, anche naturale, come uovo o passata di verdure) da stendere e modellare anche col sussidio di formine (per mantenerla basta aggiungerci un po’ di olio e conservarla avvolta in alluminio).

Infine, se ci si attrezza con carta, colori, pittura a dita, forbicette con la punta rotonda, riviste e colla, non mancherà l’imbarazzo della scelta: ai bimbi piace, ad esempio, lasciare le impronte sui fogli col colore, cosa che li aiuta oltre tutto a prendere coscienza del proprio corpo.

Comunque le aggiungo una lista bibliografica per degli approfondimenti e degli spunti.

Per un lavoro sulla comunicazione e il linguaggio nell’interazione genitore-bambino:

  • di Magnani, INSEGNARE A COMUNICARE, ed. FrancoAngeli
  • di Catarsi, LEGGERE LE FIGURE, ed. Del Cerro

Per una proposta psicomotoria :

  • di Carr, COME UN ALBERO, UN UCCELLO O UNA RANA (yoga per bambini), ed Macro
  • di Beretta, ALBERO ALBERO CRESCI… " "
  • di Innocenti-Rossi, GIOCAGINNASTICA, ed. Nardini
  • di Papetti, GIOCATTOLI CREATIVI, ed. Macro

Per la manipolazione :

  • COSTRUISCO CON LA CARTA, ed. De Agostini
  • ATTIVITA’, BRICOLAGE, CREAZIONI, Ed. EL
  • 200 GIOCHI SCACCIANOIA, Ed. Edicart

Infine, può acquistare in edicola la rivista CREOIO della Diamond, o collegarsi via Internet col sito www.creoio.it

… E BUON LAVORO!!!

 


copyright © Educare.it - Anno I, Numero 12, novembre 2001