Main menu
sostieni_educareit

L'etica della comunicazione

Print Friendly, PDF & Email

etica comunicazioneMantieni i tuoi pensieri positivi, perché i tuoi pensieri diventano parole. Mantieni le tue parole positive, perché le tue parole diventano i tuoi comportamenti. Mantieni i tuoi comportamenti positivi, perché i tuoi comportamenti diventano le tue abitudini. Mantieni le tue abitudini positive, perché le tue abitudini diventano i tuoi valori. Mantieni i tuoi valori positivi, perché i tuoi valori diventano il tuo destino. (Mahatma Gandhi)

 

Ci troviamo in un periodo storico particolare in cui l'informazione riveste un ruolo primario considerando il contesto sociale, economico e politico. Il mondo globalizzato è di fronte a sfide importanti che mai prima d'ora sono state in grado di sollevare problematiche così rilevanti sul piano della salute pubblica. In un mondo dove tutto e il suo contrario rappresentano due facce di una stessa medaglia la comunicazione diventa il baricentro attorno al quale ruotano teorie, opinioni, convinzioni e orientamenti personali. Le origini della pandemia, ancora tutte da accertare e condividere, hanno messo in campo ricerche e studi su vari fronti, l'esito dei quali (se non per curiosità e volontà personale di approfondimento) non abbiamo conoscenza dai mezzi di informazione istituzionali.

In questo contesto ci sono grossi interessi economici che i colossi del farmaco tendono a difendere e preservare per definire i confini della loro supremazia e legittimità. Assorbiamo e metabolizziamo ogni giorno le comunicazioni ufficiali e governative, politica e sanità, su binari paralleli, mirano alla vaccinazione di massa come unico traguardo di ripartenza e superamento della crisi del sistema. Il pensiero critico e anche quello fuori dal coro generale viene considerato un male da evitare e relegare alla marginalità di un "difetto" da scartare perché disfunzionale.

In questo panorama l'etica della comunicazione perde i suoi connotati, diventa una lotta contro i mulini a vento, contro le paure e i fantasmi di una guerra senza confini. L'Italia a "colori" mostra la sua fragilità, il camaleontico trasformismo di leggi e decreti che scandiscono a tamburo battente i tanti giorni di limitata libertà che si avvicendano come i grani di un rosario di una infinita litania. La conoscenza è un atto di libertà e di consapevolezza, di equilibrio e discernimento, di curiosità e verità. Su questi presupposti una frase di George Orwell dà voce al pensiero critico, a chi si pone delle domande e per questo crede che l'etica della comunicazione sia un diritto-dovere da difendere e tutelare per il presente ma soprattutto per un futuro migliore: In tempo di menzogna universale dire la verità diventa un atto rivoluzionario.

sostieni_educareit

copyright © Educare.it - Anno XXI, N. 4, Aprile 2021
sostieni Educare.it visitando gli sponsor!
© Norme sul copyright
Educare.it è una rivista registrata al Tribunale di Verona il 21/11/2000 al n. 1418. Direttore Responsabile: Luciano Pasqualotto.
I contenuti sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Unported.
Se vuoi citare questo articolo o un articolo di questa sezione, leggi le istruzioni su questa pagina.
E' consentito riprodurre articoli di Educare.it esclusivamente alle presenti condizioni. Ogni abuso sarà perseguito nei termini di Legge.

I cookie sono necessari per il pieno utilizzo dei servizi offerti su Educare.it, comprese le funzionalità implementate attraverso terze parti.
Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.
In alternativa puoi visionare l'informativa che spiega come disattivare i cookie.