Main menu
sostieni_educareit

La lettura precoce condivisa: un nutrimento cognitivo, affettivo e relazionale

Print Friendly, PDF & Email

lettura precoceL’articolo esplora i benefici della lettura precoce da un punto di vista cognitivo, affettivo ed educativo, avvalendosi di recenti contributi delle neuroscienze. Inoltre, offre alcuni suggerimenti pratici per stimolare nei bambini la lettura precoce attraverso la relazione con gli adulti di riferimento.

 

Introduzione

La narrazione può essere definita come il processo attraverso cui strutturiamo l’esperienza in unità temporalmente significative, attribuendo loro ordine e relazioni (Batini, Fontana, 2010).  L’essere umano (Gottschall, 2018) utilizza la narrazione per rappresentarsi interiormente la realtà percepita, per comprenderla attraverso connessioni crono-causali e per condividere con altri interlocutori la propria interpretazione dei fatti e i relativi vissuti interiori. Il pensiero narrativo è una forma di organizzazione psichica universale, disponibile a tutti gli esseri umani indipendentemente dalla cultura di appartenenza, che consente di sistematizzare e interpretare le informazioni relative ai fatti e all’agire umano, rendendoli interpretabili e, quindi, dotati di senso (Levorato M.C, 2003). Non solo: l’esposizione precoce alla narrazione, sotto forma di storie ascoltate, la familiarizzazione con la struttura narrativa e la capacità di padroneggiarne le tecniche stimola importanti sviluppi a livello cognitivo, emotivo e relazionale.

La narrazione come esplorazione della realtà

Per Bruner (2005), tutti gli esseri umani possiedono due modalità di pensare, ognuno dei quali fornisce un metodo particolare di ordinamento dell’esperienza e costruzione della realtà: da un lato il pensiero scientifico, che si esplica attraverso le argomentazioni logiche, ricorre a categorizzazioni e concettualizzazioni, si serve di procedure atte ad assicurare la verificabilità empirica. Dall’altro, il pensiero narrativo, che si esplica attraverso il racconto. Esso ha la capacità di stimolare l’immaginazione di chi ne fruisce e possiede tre caratteristiche: creare significati impliciti oltre che espliciti, che favoriscono il grado di libertà interpretativa dell’autore, proponendo una rappresentazione soggettiva, ossia filtrata dalla coscienza dei personaggi, e creando una pluralità di prospettive.

Bruner parla a questo proposito di opacità referenziale: la narrazione non è una descrizione obiettiva dei fatti, ma una rappresentazione soggettiva dell’evento. Ciò che acquista importanza è il significato che viene attribuito a quella realtà da parte del soggetto; nelle storie non si ha a che fare con solide certezze, ma con l’infinita ricchezza delle possibilità umane. Il cosiddetto storytelling – ossia l’attività del narrare - è parte dell’esistenza stessa: noi pensiamo il mondo in forma narrativa e apprendiamo a farlo da bambini.

A partire dall’infanzia, la nostra mente tende a correlare gli eventi sulla base di connessioni crono-causali di episodi: quando osserviamo, ascoltiamo o raccontiamo qualcosa classifichiamo la trama episodica sulla base di un confronto con un modello stereotipico derivato da esperienze simili registrate in memoria. Ogni nuova esperienza viene valutata sulla base di schemi pregressi: frames (cornici concettuali rappresentanti gli oggetti statici o le relazioni che costituiscono l’evento) e scripts (rappresentano le micro-sceneggiature dell’evento, ossia gli aspetti dinamici con cui evolve la sequenza degli eventi). La stessa memoria autobiografica vive di frames e scripts che ci consentono di capire che cos’è l’evento che sto vivendo e articolarlo in una sequenza ordinata (Calabrese, 2013).

Pertanto, le narrazioni costituiscono una sorta di allenamento cognitivo per interpretare il mondo secondo aspettative comuni o per rielaborarle a fronte di cambiamenti: fiabe, romanzi e narrazioni di fantasia più in generale si sono rivelati preziose palestre mentali per l’addestramento delle giovani generazioni all’interpretazione degli eventi.

Sul piano neurocognitivo, la fantasia rappresenta l’esercizio della corteccia prefrontale e l’applicazione del pensiero ipotetico-deduttivo a oggetti, eventi, schemi d’azione della vita quotidiana. La funzione del pensiero ipotetico è di immaginare rappresentazioni alternative a quanto già avvenuto, simulare ipoteticamente gli eventi futuri servendosi della banca dati memorizzata nel nostro cervello a partire dalle esperienze precedenti (Calabrese, 2013).

Il racconto di fantasia, proprio come il gioco simbolico a cui i bambini sono naturalmente inclini nella prima infanzia, non rappresenta banalmente una forma di evasione dalla realtà, ma un vero e proprio esercizio di problem solving funzionale, fondamentale per lo sviluppo integrale del bambino. Esiste una sorta di grammatica universale del racconto di fantasia, costituito da un personaggio protagonista che affronta, con diverse strategie, una situazione difficile iniziale.

La fiaba, quale trama arcaica e originaria del racconto di fantasia, rappresenta l’esempio per eccellenza di questo modello di problem solving, di cui la ben nota analisi morfologica di Propp  (2000) ha individuato gli elementi di ricorrenza (le cosiddette funzioni): il problema iniziale che caratterizza l’avvio della narrazione fiabesca, i tentativi di superamento del problema attraverso l’adozione di strategie, l’uso di strumenti e doni fatati, l’incontro con aiutanti magici, le complicazioni messe in atto da personaggi nemici e in conclusione il fatidico lieto fine. Il racconto di fantasia fornisce così un archivio mentale di situazioni complesse unitamente a una serie di soluzioni operative, seppur immaginarie.

L'articolo completo in italiano è disponibile in allegato per gli abbonati.


Autrice: Antonella Bastone, pedagogista, docente a contratto presso l’Università di Torino, l’Università del Piemonte Orientale e l’Università di Genova.


copyright © Educare.it - Anno XX, N. 10, Ottobre 2021
sostieni Educare.it visitando gli sponsor!
© Norme sul copyright
Educare.it è una rivista registrata al Tribunale di Verona il 21/11/2000 al n. 1418. Direttore Responsabile: Luciano Pasqualotto.
I contenuti sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Unported.
Se vuoi citare questo articolo o un articolo di questa sezione, leggi le istruzioni su questa pagina.
E' consentito riprodurre articoli di Educare.it esclusivamente alle presenti condizioni. Ogni abuso sarà perseguito nei termini di Legge.

I cookie sono necessari per il pieno utilizzo dei servizi offerti su Educare.it, comprese le funzionalità implementate attraverso terze parti.
Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.
In alternativa puoi visionare l'informativa che spiega come disattivare i cookie.