Main menu
sostieni_educareit

Pannolini lavabili o usa e getta? Un dibattito aperto

pannoliniSta per nascere un bambino e quindi mamme e papà sono pronti a mettersi in moto per preparare tutto il necessario per l’arrivo di un nuovo membro della famiglia: fasciatoio, biberon, tutine rosa e azzurre e, ovviamente, i pannolini. Intorno a quest’ultimo acquisto si mobilitano una serie di filosofie su quale sia la scelta più vantaggiosa sia da un punto di vista economico che da un punto di vista di comodità per il bimbo.

Il dilemma sulla scelta nasce dal ritorno in voga dei pannolini lavabili, i cosiddetti ciripà, molte mamme infatti per vari motivi hanno fatto questa scelta importante. Ma quali sono questi motivi?

Tanto per cominciare motivi ecologici, i pannolini usa e getta rappresentano il rifiuto più difficile da smaltire, e se pensiamo che normalmente un neonato ne consuma circa 7 al giorno, possiamo immaginare l’incredibile quantità di pannolini che la nostra Terra si trova a dover consumare.

In secondo luogo motivi economici, infatti i pannolini lavabili rappresentano una ingente spesa iniziale, il prezzo infatti si aggira intorno ai 200 € per un pacco contenente circa 15/20 pannolini, ma hanno il vantaggio che una volta acquistati poi non rappresentano più una spesa che settimanalmente grava sulla famiglia.

Inoltre pare che i bambini che utilizzano i ciripà riescono a diventare indipendenti dal pannolino più velocemente rispetto a chi usa gli altri, questo perché la sensazione di bagnato, che tanto condannano le grandi marche di pannolini che auspicano alla promozione della sensazione di asciutto del bambino, è invece tipica dei pannolini lavabili, ed essendo fastidiosa, giustamente un bambino cerca di liberarsene il prima possibile.

Ora, non mi sento di promuovere nettamente l’utilizzo di pannolini lavabili perché, per quanto abbiano aspetti positivi, risultano davvero poco pratici e, diciamolo, non così piacevoli da cambiare quotidianamente!

Quindi … a ciascuno la propria scelta.

 


 

Autrice: Federica Gozzi, è laureata in scienze pedagogiche con una tesi sulle emozioni in gravidanza. Successivamente ha approfondito l'iridologia e la floriterapia di Bach. Opera come educatrice presso un Centro Infanzia di Verona.


 

sostieni Educare.it visitando gli sponsor!
© Norme sul copyright
Educare.it è una rivista registrata al Tribunale di Verona il 21/11/2000 al n. 1418. Direttore Responsabile: Luciano Pasqualotto.
I contenuti sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Unported.
Se vuoi citare questo articolo o un articolo di questa sezione, leggi le istruzioni su questa pagina.
E' consentito riprodurre articoli di Educare.it esclusivamente alle presenti condizioni. Ogni abuso sarà perseguito nei termini di Legge.

I cookie sono necessari per il pieno utilizzo dei servizi offerti su Educare.it, comprese le funzionalità implementate attraverso terze parti.
Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.
In alternativa puoi visionare l'informativa che spiega come disattivare i cookie.