Main menu

Rivista telematica sui temi dell'educazione - Anno XVIII, n. 10 - Ottobre 2018

Come un gattino nel motore

Durante un incontro di verifica del suo inserimento lavorativo presso un calzaturificio, con l'obiettivo dell'assunzione, Valerio se ne esce con una lunga digressione su un fatto accaduto il giorno prima vicino a casa sua. Qualcuno aveva...

in Risonanze | Carlo Nicolis

Training cognitivo e miglioramento dei disturbi dell'apprendimento

Come molte ricerche hanno dimostrato, nel corso degli ultimi anni i ragazzi (in prevalenza gli alunni degli istituti superiori d’istruzione), che presentano problematicità nell’apprendimento, frequentemente ripetono l’anno scolastico per lo scarso profitto o sono oggetto...

in L'AltraNotizia | Vincenzo Amendolagine

Più della metà degli alunni disabili cambia l'insegnante di sostegno

Quest’anno nelle scuole statali sono tornati in classe 253 mila alunni con disabilità; meno della metà di loro, cioè soltanto circa 120 mila, avrà la fortuna di ritrovare il docente di sostegno dello scorso anno...

in L'AltraNotizia | Gianluigi Cerro

Se mancano insegnanti di sostegno, si discriminano gli alunni disabili

L’inizio del nuovo anno scolastico sta presentando notevoli difficoltà per gli alunni e studenti con disabilità che, in molti casi, al loro ingresso in classe non hanno trovato ad attenderli l’insegnante di sostegno. La situazione...

in L'AltraNotizia | Eugenio Coltri

Come si genera l'esperienza soggettiva del tempo

Perché in alcune situazioni ci sembra che il tempo scorra molto velocemente e in altre occasioni ci sembra al contrario che non passi mai, che sia eterno, e ci accorgiamo di guardare con impazienza l’orologio...

in L'AltraNotizia | Enrica Gaetano

L'origine delle espressioni facciali

Le espressioni facciali sono state sempre considerate come prodotte dalla contrazione dei muscoli facciali. Alle espressioni facciali è stata data una connotazione interpretativa a seconda del contesto sociale e culturale di appartenenza. Di fronte ad...

in L'AltraNotizia | Vincenzo Amendolagine

Il Governo, l'educazione informale e la Motovedetta Diciotti

Ci sono aspetti relativi all'educazione informale che come educatori non possiamo ignorare. Si educa soprattutto con l'esempio e la triste vicenda dei migranti fermi a Catania sulla motovedetta della Guardia Costiera Diciotti, ne è un...

in Educattiverie | Alessandro Pisciandaro

Dormire male ci fa sentire più soli: una ricerca USA

La mancanza di sonno può letteralmente uccidere la nostra vita sociale. I ricercatori dell’University of California, Berkeley, hanno scoperto che le persone che dormono poco si sentono più sole e meno inclini a dialogare con...

in L'AltraNotizia | Beatrice Raso

Peer counselor con disabilità: l'esperienza di Simona a Milano

Un supporto “tra pari” attraverso il dialogo, la musica e la visualizzazione creativa. E’ quello di cui si occupa Simona Spinoglio, ragazza con atrofia muscolare spinale (Sma) di tipo 2, che lavora al Nemo di...

in L'AltraNotizia | Renato La Cara

I dati sulla disabilità nel primo ciclo di istruzione

Secondo il rapporto Istat sull’integrazione scolastica, con dati riferiti all'A.S. 2016-17, gli alunni con disabilità sono pari a 90 mila nella scuola primaria (pari al 3% del totale degli iscritti) e 69 mila nella scuola...

in L'AltraNotizia | Andreas Molteni

Il dizionario dell’immigrazione

Cosa significa "rifugiato"? Chi è "apolide"? Il portale west-info.eu ha realizzato una pagina web che permette di chiarire il significato di questi termini oggi divenuti di uso comune, con dati e definizioni per capire e conoscere...

in L'AltraNotizia | Nicola Chiesa

Mangia che diventi grande!

La preoccupazione del cibo per una mamma rimane una nota costante. Innanzitutto sfatiamo il mito che bisogna mangiare anche contro voglia per crescere: il bambino si sa autoregolare e lo stimolo della fame è presente...

in Pedagogia del quotidiano | Laura Paternuosto

Hikikomori, dal 2009 al Gemelli in carico 1500 famiglie

"Giovani dai 9 ai 23 anni con molta rabbia dentro che hanno attivato una crisi nei loro genitori, una crisi che le mamme e i papà non riescono a tollerare. Questi giovani arrivano da noi...

in L'AltraNotizia | Laura Alberico

Ludopatia e condotte criminose: le correlazioni

Il disturbo da gioco d’azzardo è una patologia che ha delle conseguenze in tutti i settori della vita del paziente. Solitamente il disturbo è statisticamente più frequente negli uomini ed è sovente associato a delle...

in L'AltraNotizia | Vincenzo Amendolagine

Presentato il Libro Bianco sulle droghe: in aumento le segnalazioni

E’ stato presentato ieri 26 giugno il IX Libro Bianco sulle droghe, un manuale di dati, politiche e commenti sui danni collaterali del Testo Unico sulle droghe che riporta al centro dell’attenzione pubblica la mancanza...

in L'AltraNotizia | Annalisa Remelli

Abbiamo 151 visitatori e 44 utenti online

 

Ultimi articoli sui canali tematici

Disabilità al nido e alla scuola dell’infanzia: per definire i termini del discorso

Le educatrici di nido e le insegnanti di scuola dell’infanzia hanno bisogno di rafforzare quelle competenze pedagogiche in grado di sostenere bambini e famiglie con bisogni speciali a conseguire il miglior adattamento possibile al contesto. Con i bambini e le bambine dagli 0 ai 6 anni si può sperimentare efficacemente il passaggio dal “sostegno” al...

Luca Ghirotto | Scuola e dintorni

La necessaria formazione dei docenti

Con la "Buona Scuola" la formazione continua degli insegnanti è diventata uno degli strumenti strutturali a sostegno del ruolo docente. Paradossalmente, chi ha fatto della didattica la propria professione rischia di non cogliere l’occasione di utilizzare la formazione per il miglioramento continuo, sia attraverso la riflessione sulle proprie pratiche sia per avviare azioni di ricerca...

Maria Grazia Carnazzola | Riforme della scuola

La famiglia e la richiesta di giustizia

In una visione romantica della famiglia il tema della giustizia sembrerebbe inapplicabile. Eppure basta riconoscere la diseguale distribuzione del lavoro domestico o la presenza diffusa di conflitti e violenze tra i membri per riconoscere come anche in ambito familiare vi siano fonti di ingiustizia. L’autrice affronta dal punto di vista filosofico il problema del rapporto...

Diana Gianola | Pedagogia e psicologia

Il Welfare Aziendale: una lettura pedagogica

Il welfare aziendale è diventato un tema di attualità. Le sue potenzialità sono notevoli per sostenere lo sviluppo di processi non solo economici, ma anche organizzativi e politici. La lettura pedagogica mette in evidenza la necessità di una consapevolezza culturale per promuovere il coinvolgimento e il protagonismo dei lavoratori all’interno delle realtà produttive. E’ un’occasione...

Claudio Girelli e Paolo Giunta | Pedagogia e psicologia

La narrazione biografica della classe come strategia inclusiva

Il benessere relazionale si fonda sul principio pedagogico del riconoscimento dell’altro come soggetto portatore di una storia, di pensieri e di comportamenti che sono degni della massima attenzione. Per promuovere il benessere a scuola, in questa prospettiva, è necessario pensare alla classe come un gruppo sociale nel quale ciascun alunno trova possibilità positive per sviluppare...

Vincenzo Amendolagine | Scuola e dintorni

Insegnare a scrivere: una rivalutazione del corsivo

Saper scrivere è una competenza fondamentale per aver successo a scuola e nel mondo del lavoro. Tuttavia, se pensiamo anche solo alla lettera aperta che i seicento professori universitari hanno inviato al Presidente del Consiglio, al Ministro dell’Istruzione, al Parlamento, lo scorso mese di febbraio, pare che questa competenza sia ben al di là dall’essere...

Maria Grazia Carnazzola | Didattica

L’insegnante traduttore e il gesto pedagogico

Le richieste che pervengono oggi alla scuola da una società che, ancorché liquida, si appresta ormai a diventare plasmatica, impongono l’urgenza di una riflessione pedagogica sulla nuova professionalità docente. Occorre fare il punto sulle pratiche didattiche degli insegnanti e sul portato del ruolo educativo del contesto scolastico. L’articolo propone una ridefinizione e una rivalorizzazione del...

Daniela Di Pasquale | Scuola e dintorni

Il corpo è un narratore di storie: valorizzare il linguaggio non verbale nella didattica

    Il corpo è spesso assente nella didattica. Bambini seduti per ore ai banchi, una forte carenza di percorsi educativi incentrati sul linguaggio non verbale. Già alla scuola dell’infanzia ma ancora più alla scuola primaria l'insegnamento si rivolge quasi esclusivamente alla “testa” del bambino, è considerato unicamente un processo cognitivo. Il bambino ha bisogno invece di...

Helga Dentale | Esperienze a scuola

Un’alternativa alle pene minorili: il PEILD

Il modello di detenzione minorile è messo in discussione dall’altissima percentuale di soggetti recidivi. Sembrerebbe che, nonostante gli sforzi del sistema e la qualità degli operatori, il carcere finisca per influenzare negativamente il minore detenuto anziché affrancarlo dagli ambienti che lo hanno accompagnato alla devianza. In questo articolo si delinea l’opportunità di attivare a livello...

Alessandra Donatella Pia Schirò | Devianze e Carcere

Dipendenze comportamentali: quando il gioco diventa patologico

Il Gioco d’Azzardo Patologico (GAP) è un fenomeno sociale che si conosce da tempo, anche nei suoi drammatici risvolti. Tuttavia non sembra esserci stata una adeguata consapevolezza della portata del problema, sia all’interno dell’opinione pubblica, sia ai livelli istituzionali. In questo articolo si inquadra la problematica sul piano diagnostico e si individua l’azione culturale come...

Jessica Bevelacqua, Eddy Chiapasco | Dipendenze

Statistiche

statistiche-webEducare.it nel mese di Settembre 2018 ha registrato 61.515 visitatori, per un totale di 300.558 pagine lette

I cookie sono necessari per il pieno utilizzo dei servizi offerti su Educare.it, comprese le funzionalità implementate attraverso terze parti.
Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.
In alternativa puoi visionare l'informativa che spiega come disattivare i cookie.