Main menu
sostieni_educareit

Il tempo di ri-educare e ri-edurcarsi

Print Friendly, PDF & Email

società liquidaL'estate avanza con un torrido clima, anche i castelli di sabbia si sgretolano sotto il sole che stringe in un abbraccio soffocante pensieri, speranze, progetti di cambiamento e rinnovamento. La crisi politica diventa lo specchio di una crisi globale in cui gli uomini non riescono a trovare un frontecomune per delineare equilibri temporali stabili e soprattutto affidabili. A questo si aggiunge un panorama ambientale che ormai lascia tracce indelebilisul territorio, terra riarsa incapace di accogliere e custodire i semi di nuovi raccolti, le promesse di una stagione che sembra non avere certezze e radici.

La società liquida teorizzata da Bauman mostra la sua indiscussa accelerazione, niente è più coeso e capace di aggregazione, la velocità dei cambiamentitende a destrutturare e impoverire il tessuto sociale consumando pian piano i capisaldi di una società ormai frammentata, nella quale, come isole sperduteognuno cerca di ritrovare il senso delle cose e il loro divenire. Forse è giunto il momento di rieducare se stessi, di dare un nuovo e libero spazio alle occasioni favorevoli che, anche la crisi in termini di cambiamento, può far nascere dentro e fuori di noi. L'educazione è un processo lento, uno strumento di conoscenza costruttivo e ricostruttivo, capace di modellare pensieri e azioni, forme e contenuti che la modernità liquida tende a disperdere in una diaspora di individualismo e competizione crescenti, l'antitesi di una società stabile, aggregante, sostenibile.

sostieni Educare.it visitando gli sponsor!

I contenuti provenienti da fonti esterne ad Educare.it sono di proprietà degli autori o editori che li hanno pubblicati.
Eventuali loghi e marchi presenti sotto varie forme in questo sito sono di proprietà dei rispettivi titolari.

I cookie sono necessari per il pieno utilizzo dei servizi offerti su Educare.it, comprese le funzionalità implementate attraverso terze parti.
Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.
In alternativa puoi visionare l'informativa che spiega come disattivare i cookie.