Main menu
sostieni_educareit

Dormire male ci fa sentire più soli: una ricerca USA

imgLa mancanza di sonno può letteralmente uccidere la nostra vita sociale. I ricercatori dell’University of California, Berkeley, hanno scoperto che le persone che dormono poco si sentono più sole e meno inclini a dialogare con gli altri, evitando il contatto ravvicinato quasi come le persone che soffrono di ansia sociale.

Questa sensazione di allontanamento rende le persone private del sonno ancora meno attraenti dal punto di vita sociale rispetto agli altri. Inoltre, le persone che riposano bene si sentono sole solo dopo un breve incontro con una persona che dorme poco, innescando potenzialmente un “contagio virale” di isolamento sociale.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Communications, è il primo a dimostrare una relazione bidirezionale tra la perdita di sonno e l’isolamento sociale, facendo nuova luce sull’epidemia globale di solitudine.

I ricercatori hanno scoperto che le risonanze cerebrali delle persone che dormivano poco mentre vedevano video di estranei che camminavano verso di loro, mostravano una forte repulsione sociale nelle reti neurali che vengono tipicamente attivate quando gli uomini sentono che il loro spazio personale viene invaso. La mancanza di sonno appiattiva anche l’attività nelle regioni del cervello che normalmente incoraggiano l’impegno sociale.

“Meno si dorme, meno si desidera interagire socialmente. Di conseguenza, altre persone ti considerano più socialmente repellente, aumentando ulteriormente il grave impatto dell’isolamento sociale della mancanza di sonno. Questo circolo vizioso potrebbe essere un importante fattore che contribuisce alla crisi della salute pubblica rappresentata dalla solitudine”, afferma Matthew Walker, autore dello studio e professore di psicologia e neuroscienza. È stato scoperto che la solitudine aumenta il rischio di mortalità di una persona di oltre il 45%, il doppio del rischio di mortalità associato all’obesità. “Come nota positiva, una sola notte di buon sonno rende più socievoli e sicuri a livello sociale e inoltre attirerà gli altri”, conclude Walker.

Fonte: www.meteoweb.eu, 15/08/2018

sostieni Educare.it visitando gli sponsor!

I contenuti provenienti da fonti esterne ad Educare.it sono di proprietà degli autori o editori che li hanno pubblicati.
Eventuali loghi e marchi presenti sotto varie forme in questo sito sono di proprietà dei rispettivi titolari.

I cookie sono necessari per il pieno utilizzo dei servizi offerti su Educare.it, comprese le funzionalità implementate attraverso terze parti.
Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.
In alternativa puoi visionare l'informativa che spiega come disattivare i cookie.