Main menu
sostieni_educareit

L'origine delle espressioni facciali

imgLe espressioni facciali sono state sempre considerate come prodotte dalla contrazione dei muscoli facciali. Alle espressioni facciali è stata data una connotazione interpretativa a seconda del contesto sociale e culturale di appartenenza. Di fronte ad una sollecitazione ambientale che giunge all’individuo, secondo le conoscenze fino ad adesso note, si produce un movimento dei muscoli facciali. Questo movimento diviene un input che viene decodificato a livello cerebrale, dando un’interpretazione ad esso e associandolo cognitivamente ad un’emozione. In altre parole, di fronte ad una situazione di pericolo, il viso dell’individuo mediante una contrazione dei muscoli facciali invia un messaggio al cervello. A tale messaggio viene data, a livello cognitivo – emozionale, una certa valenza interpretativa. Il soggetto vive quella contrazione dei muscoli del proprio viso come un’espressione facciale che corrisponde alla paura. Con il tempo, in base agli apprendimenti, si crea una corrispondenza fra espressioni del viso ed emozioni. In altri termini, alla paura corrisponde una certa espressione facciale, allo stupore un’ulteriore espressione facciale, così come alla gioia etc.

Una recente ricerca (Benitez – Quiroz e al., 2018) ha messo in discussione l’origine muscolare della connotazione cognitiva dell’emozione provata. In altre parole, secondo questo studio l’input che arriva dal viso al cervello non è imputabile alla contrazione dei muscoli facciali, quanto ad una differente distribuzione sanguigna nel viso dell’individuo. In pratica, il messaggio che giunge al cervello e che fa dare ad esso una connotazione cognitiva, legata ad una specifica emozione, si baserebbe su dei meccanismi di vasocostrizione e vasodilatazione del sistema circolatorio facciale, che di fatto determinano delle variazioni del colorito del viso.

In conclusione, quindi, secondo questa ricerca è un input circolatorio piuttosto che un input muscolare quello che arriva al cervello e che permette di associare alle espressioni del viso un’emozione provata.

Fonte: Benitez-Quiroz, C., F., Srinivasan, R., Martinez, A., M. (2018). Facial color is an efficient mechanism to visually transmit emotion. PNAS, 115 (14), 3581 - 3586. DOI: 10.1073/pnas.1716084115

sostieni Educare.it visitando gli sponsor!

I contenuti provenienti da fonti esterne ad Educare.it sono di proprietà degli autori o editori che li hanno pubblicati.
Eventuali loghi e marchi presenti sotto varie forme in questo sito sono di proprietà dei rispettivi titolari.

I cookie sono necessari per il pieno utilizzo dei servizi offerti su Educare.it, comprese le funzionalità implementate attraverso terze parti.
Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.
In alternativa puoi visionare l'informativa che spiega come disattivare i cookie.