Educare.it - Rivista open access sui temi dell'educazione - Anno XXIV, n. 7 - Luglio 2024

  • Categoria: L'AltraNotizia

Bergamo, al Liceo Linguistico “Giovanni Falcone” da settembre s’insegna il coreano. È la prima scuola in assoluto in Italia

corea del nordAl Liceo Linguistico “Giovanni Falcone” di Bergamo da settembre, prima scuola in assoluto in tutta Italia, si attiva l’insegnamento curriculare di lingua e letteratura coreana in una classe prima. La novità è stata presentata il 19 giugno nell’aula magna di via Dunant, con l’arrivo del Console Generale di Corea Kang Hyung Shik. Con una delegazione al seguito, a conclusione del suo mandato, ha omaggiato dei suoi saluti la città di Bergamo e il Liceo “Falcone”.

“Questa è la terza volta che visito il Liceo Falcone – ha esordito il console – Oggi desidero salutare la dirigente, le autorità presenti, gli studenti e i genitori, dopo avere lavorato tre anni nel vostro bellissimo Paese, sono pronto a tornare in Corea con una grande soddisfazione”.

A fare gli onori di casa, la dirigente scolastica Gloria Farisé con il proprio staff: “La Corea del Sud ha molti punti in comune con l’Italia: è una potenza economica in crescita e ciò darà grandi possibilità nel mondo del lavoro ai nostri diplomati – ha dichiarato – La nostra soddisfazione è davvero grande e la collaborazione della scuola con il territorio bergamasco a livello istituzionale è fondamentale, essendo orientato a rafforzare il legame con la Corea”.

Tra il pubblico diversi studenti, con le loro famiglie, pronti da settembre a imparare il coreano. Ad accogliere il console anche diverse autorità: per il Comune di Bergamo la dott.ssa Marzia Marchesi, già recatasi in Corea del Sud in veste ufficiale delegata dall’eurodeputato allora sindaco Giorgio Gori; per l’Università degli Studi di Bergamo il professor Cristian Pallone, docente di lingua e letteratura giapponese; per l’Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo, la professoressa Emanuela Facheris. Il Liceo Linguistico “Giovanni Falcone” di Bergamo, scuola ambasciatrice del Parlamento europeo, ha ricevuto la prestigiosa visita nell’ambito di una ricca progettualità interna-zionale attivata da tempo con molti Paesi, per rispondere all’eccellenza dei curricoli scolastici e alle richieste della propria utenza.