Main menu
sostieni_educareit

Un'esperienza... formativa. Inizio d'anno in una Scuola dell'Infanzia

Un’esperienza possibile, impensabile, …reale.

Porte chiuse;
orari prestabiliti per l’uso degli spazi comuni affinché non ci si incontri;
orari esposti sulla porta del salone dei giochi;
differenti “pause biscotto” e utilizzo dei bagni….tranne rare interferenze dovute a emergenze impreviste;
giochi itineranti dal salone all’aula di sezione: “I pentolini sono nostri, li avete usati per errore il primo giorno…ci sono sfuggiti”.
“In giardino andiamo noi dalle ore… alle ore…e questi sono orari provvisori, quando ci saremo organizzati per l’orario definitivo, ti faremo sapere”.

“In questo asilo…” disse una mamma.
“Asilo!, Asilo!!: Scuola d’Infanzia!”. Puntualizzò la maestra. “L’asilo non esiste più, oggi è scuola, i bambini non vengono parcheggiati, sono a scuola”
. E un fischio di fischietto professionale volò nell’aria e nel silenzio.

Pianti, sguardi increduli, tentativi d’opposizione, pericolosi silenzi, pensieri in movimento e tanti adattamenti.

“E’ solo perché è l’inizio, poi si adattano, poi passa”.

sostieni_educareit

Ma a che prezzo? Che valore ha continuare a vivere ignorando informazioni, studi, ricerche, teorie, aggiornamenti, educazione?
Con che morale ci si presenta quali educatori adulti da imitare?. Imitare a non pensare, non essere se stessi ma un piccolo gruppo di allineati facilmente contenibili, sovrastati da un tono di voce sempre più altisonante che tra canzoncine interattive e rimproveri imposti da “intelligente autorità”, sopiscono animi in crescita.

“Vorrei vedere Lei a gestire un gruppo numeroso di bambini!. Lei, qui a rovinare equilibri e serio lavoro!. Noi lavoriamo a classi aperte; se finora la collaborazione non è stata possibile non è per noi!”.

Regole, ritorna sempre l’annoso problema: regole a cui nessuno chiede di rinunciare. Regole per muoversi in sicurezza in spazi e percorsi definiti. Regole per orientarsi nel nuovo. Regole per imparare a vivere nel rispetto della sociale convivenza. Regole di gioco. Regole di vita.
E mi sembra che ce ne sia abbastanza per rivedere affermazioni d’accusa e immagini d’anarchia. Ma non regole imposte con supremazie forzose da adulti insicuri.
Viviamo la Riforma delle personalizzazioni (PPAE, PSP, Portfolio), le indicazioni per lavori d’interclasse (Laboratori, Continuità), per attività creative, per uno sviluppo armonico delle personalità.
Viviamo idee e propositi di aggiornamenti permanenti, attenzione alla documentazione e all’interscambio comunicativo delle esperienze. Condivisione per crescere insieme!.
Ma dov’è tutto questo quando ci si permettono comportamenti di estrema ipocrisia, di negazione difensiva, di cattiveria e maleducazione?.
Tutto questo può appartenere al personale educativo?. Può essere morale di vita di un’insegnate?.
Forse si quando i bambini non vengono mai guardati negli occhi.

“Tutto a posto. Abbiamo messo i puntini dove dovevano andare, adesso è tutto a posto!”.

E grandi e piccini, ancora una volta, sono tornati in riga.

 


 

copyright © Educare.it - Anno V, Numero 1, Dicembre 2004

sostieni Educare.it visitando gli sponsor!
© Norme sul copyright
Educare.it è una rivista registrata al Tribunale di Verona il 21/11/2000 al n. 1418. Direttore Responsabile: Luciano Pasqualotto.
I contenuti sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Unported.
Se vuoi citare questo articolo o un articolo di questa sezione, leggi le istruzioni su questa pagina.
E' consentito riprodurre articoli di Educare.it esclusivamente alle presenti condizioni. Ogni abuso sarà perseguito nei termini di Legge.

I cookie sono necessari per il pieno utilizzo dei servizi offerti su Educare.it, comprese le funzionalità implementate attraverso terze parti.
Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.
In alternativa puoi visionare l'informativa che spiega come disattivare i cookie.