Main menu
sostieni_educareit

In cattedra, di nuovo

Print Friendly, PDF & Email

docentiNon si insegna quello che si sa o si crede di sapere: si insegna e si può insegnare solo quello che si è. (Jean Jaurès)

Gli studenti ritornano sui banchi di scuola con sentimenti contrastanti: timore, curiosità, timidezza, sfida, indolenza e, talvolta, anche una sorta di provocazione. Nella mia carriera ho visto ognuno di loro affrontare il nuovo anno in modo diverso manifestando emozioni, atteggiamenti e comportamenti tesi spesso a nascondere insicurezze e intime fragilità, segnali di un mondo interiore ancora tutto da scoprire e rivelarsi. Ho cercato sempre di sostenere il loro sguardo in modo aperto e accogliente, nelle mie lezioni non c'è mai stato spazio per un totale silenzio, forse più opprimente e pesante delle parole, ho ascoltato mille domande che sorgevano spontanee cercando di accompagnarle e sostenerle, inquadrarle e comprenderne la motivazione. Sì, perchè le domande degli alunni sono forse più importanti di tante risposte, riescono sempre ad esprimere il desiderio di conoscere, comprendere e andare a fondo di un contesto già definito e stigmatizzato.

Nel silenzio della lezione tradizionale l'insegnante rappresenta soltanto un un mezzo di trasferimento di informazioni e gli alunni spesso accolgono meccanicamente informazioni destinate quasi sempre ad essere in breve tempo dimenticate e accumulate nella mente come ingombranti e ostiche. In cattedra l'insegnante non riveste più il ruolo autoritario e repressivo di un tempo, è a tuttigli effetti un mediatore di conoscenze che sperimenta ogni giorno le strategie più appropriate per stimolare interesse, curiosità, desiderio di andare oltre le apparenti strutture che i contenuti disciplinari conservano come marchio di indiscussa verità. Per questo mi sembra importante ricordare che il valore umano e sociale dell'insegnamento è qualcosa che va oltre le competenze specifiche acquisite negli studi, è un lungo percorso di continuo e puntuale modellamento di azioni, gesti, parole che hanno il solo scopo di far emergere in ciascun alunno potenzialità, interessi, attitudini destinate a far sì che l'educazione e l'orientamento diventino una vera occasione di crescita e integrazione. In cattedra ogni giorno l'insegnante può scoprire e riscoprire se stesso, guardando negli occhi degli alunni quel tacito consenso per iniziare insieme una nuova avventura.

 

sostieni Educare.it visitando gli sponsor!
© Norme sul copyright
Educare.it è una rivista registrata al Tribunale di Verona il 21/11/2000 al n. 1418. Direttore Responsabile: Luciano Pasqualotto.
I contenuti sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Unported.
Se vuoi citare questo articolo o un articolo di questa sezione, leggi le istruzioni su questa pagina.
E' consentito riprodurre articoli di Educare.it esclusivamente alle presenti condizioni. Ogni abuso sarà perseguito nei termini di Legge.

I cookie sono necessari per il pieno utilizzo dei servizi offerti su Educare.it, comprese le funzionalità implementate attraverso terze parti.
Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.
In alternativa puoi visionare l'informativa che spiega come disattivare i cookie.