Main menu
sostieni_educareit

Funzioni esecutive e apprendimenti scolastici: le correlazioni

imgLe funzioni esecutive comprendono una serie di capacità che svolgono un ruolo chiave nel dirigere i comportamenti, le emozioni e i pensieri. Le funzioni esecutive sono importanti per l’adattamento alle nuove situazioni, che richiedono una certa dose di flessibilità. Esse comprendono tre capacità, ovvero l’inibizione o controllo inibitorio, la memoria di lavoro e la flessibilità cognitiva. L’inibizione consente di focalizzare la propria attenzione su di un elemento, eliminando tutti gli altri stimoli che fungono da distrattori. La memoria di lavoro è quella capacità che consente di ricordare per un breve periodo tutte le informazioni che sono necessarie a svolgere un compito. La flessibilità di risposta cognitiva è quella abilità che permette di cambiare i propri pensieri e comportamenti in base alle sollecitazioni dell’ambiente.

Lo sviluppo delle funzioni esecutive si basa sulla maturazione di strutture cerebrali e sulle stimolazioni sociali che il bambino riceve a casa e a scuola. Lo sviluppo precoce delle funzioni esecutive è correlato, come diverse ricerche dimostrano, al successo scolastico durante la fanciullezza. Nello specifico, la padronanza delle funzioni cognitive già nella scuola dell’infanzia predice delle ottime performance in ambito matematico e nella capacità di lettura nella scuola primaria e nella scuola secondaria.

Affinché le funzioni esecutive possano svilupparsi sono di fondamentale importanza gli atteggiamenti che gli insegnanti e i genitori hanno nei confronti del bambino. Da questo punto di vista, i genitori, che offrono ai propri figli “un’impalcatura” cognitiva che li sostiene nella crescita e mettono a disposizione tutte le opportunità per incrementare l’apprendimento informale, agevolano lo sviluppo delle funzioni cognitive nei propri figli. Inoltre, i genitori e gli insegnanti, che danno un supporto emotivo ai bambini, determinano l’incremento di una delle funzioni esecutive, ovvero della memoria di lavoro. Come diversi studi evidenziano, i bambini, che vivono in ambienti deprivati e che hanno la loro storia di vita costellata da abusi o abbandoni, manifestano un impoverimento delle funzioni cognitive, che sovente è alla base dell’insuccesso scolastico.

In conclusione, gli atteggiamenti che i genitori e gli insegnanti hanno nei confronti dei bambini sono estremamente importanti per lo sviluppo delle funzioni esecutive. Laddove gli adulti sostengono il bambino dal punto di vista cognitivo ed emotivo, egli saprà fronteggiare i cambiamenti che via via gli si presenteranno. Questa flessibilità cognitiva, insieme alle altre funzioni esecutive, gli consentirà di avere successo negli apprendimenti scolastici.

Fonte: Huizinga, M., Baeyens, D., Burack, J., A. (2018). Executive Function and education. Front. Psychol., 9:1357. DOI: 10.3389/fpsyg.2018.01357

sostieni Educare.it visitando gli sponsor!

I contenuti provenienti da fonti esterne ad Educare.it sono di proprietà degli autori o editori che li hanno pubblicati.
Eventuali loghi e marchi presenti sotto varie forme in questo sito sono di proprietà dei rispettivi titolari.

I cookie sono necessari per il pieno utilizzo dei servizi offerti su Educare.it, comprese le funzionalità implementate attraverso terze parti.
Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.
In alternativa puoi visionare l'informativa che spiega come disattivare i cookie.