Main menu
sostieni_educareit

Emozioni e affettività: un percorso con i bambini della scuola primaria

Print Friendly, PDF & Email

emozioniL’articolo presenta un percorso realizzato nella scuola primaria, con l’obiettivo di sviluppare quelle competenze socio-emotive sempre più necessarie per la vita di relazione ed il benessere individuale.

 

Introduzione

Le emozioni hanno un ruolo centrale nello sviluppo della persona; pertanto, imparare a riconoscerle e gestirle è un obiettivo fondamentale di ogni processo educativo. Attraverso la relazione, in particolare con gli adulti di riferimento, il bambino ha la possibilità di osservare sia come gli altri vivono le proprie emozioni e i propri affetti, sia come il loro comportamento emotivo influisca sugli altri.

A scuola sono le emozioni che innescano la motivazione ad apprendere. Per decenni l’apprendimento è stato analizzato principalmente in termini cognitivi e le emozioni erano considerate come ostacoli, quasi come debolezze.

Oggi la ricerca neuroscientifica ha chiarito che le emozioni hanno un ruolo nelle funzioni cognitive, tra cui l’attenzione, la memoria, la capacità di elaborazione delle informazioni e pertanto incidono sul delicato processo di apprendimento. Non c’è atto della vita psichica che non sia contemporaneamente cognitivo ed emotivo. Se un bambino che impara è sostenuto e incoraggiato, nella sua memoria resterà traccia dell’emozione positiva; al contrario le esperienze scolastiche negative generano un cortocircuito emozionale tale da indurre un insieme di pensieri ed emozioni capace di inceppare l’apprendimento (Lucangeli, 2019). Le emozioni sono implicate anche nelle crescenti difficoltà comportamentali di molti alunni, come l’eccesso di aggressività, l’incapacità di accettare le regole, i fenomeni di bullismo, la mancanza di rispetto verso gli altri.

A partire dalla convinzione che l’educazione emotiva possa fronteggiare l’ostilità, la discriminazione, l’esclusione, ho progettato il percorso “Emozioni e Affettività”, realizzandolo nelle due ore settimanali di attività alternativa all’insegnamento della religione cattolica nella scuola primaria, nel corso dell’anno scolastico 2020-2021. I bambini partecipanti sono stati 10 nella classe prima (6 anni), 11 in due classi seconde (7 anni).

Il progetto Emozioni e Affettività

Secondo la Circolare Ministeriale n. 129/86, nel primo ciclo di istruzione le attività alternative all’IRC devono essere concorrenti al processo formativo della personalità degli alunni, orientate quindi verso tematiche strettamente attinenti ai valori della vita e della convivenza civile”. Da qui la scelta di proporre un’attività stimolante e coinvolgente per i bambini, dalla forte valenza educativa, in uno spazio settimanale che spesso diventa momento di disimpegno.

Il progetto ha avuto l’intento di sviluppare alcune competenze socio-emotive fondamentali: consapevolezza del proprio stato emotivo; capacità di riconoscere le emozioni altrui; capacità di comprendere che lo stato emotivo interiore non corrisponde necessariamente alla manifestazione esteriore, sia in sé stessi, sia negli altri; capacità di affrontare in maniera adattiva le emozioni negative e angoscianti. Accanto a questo, sono stati definiti altri specifici obiettivi in riferimento all’ambito relazionale: favorire la riflessione sui temi dell’amicizia, della solidarietà, della diversità e del rispetto degli altri; manifestare il proprio punto di vista e le esigenze personali in forme corrette e argomentate.

 

L'articolo completo in italiano è disponibile in allegato per gli abbonati.


Autrice: Aurelia Cennamo, pedagogista e insegnante, scrive su temi di pedagogia per riviste nazionali e internazionali.


copyright © Educare.it - Anno XX, N. 12, Dicembre 2021
sostieni Educare.it visitando gli sponsor!
© Norme sul copyright
Educare.it è una rivista registrata al Tribunale di Verona il 21/11/2000 al n. 1418. Direttore Responsabile: Luciano Pasqualotto.
I contenuti sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Unported.
Se vuoi citare questo articolo o un articolo di questa sezione, leggi le istruzioni su questa pagina.
E' consentito riprodurre articoli di Educare.it esclusivamente alle presenti condizioni. Ogni abuso sarà perseguito nei termini di Legge.

I cookie sono necessari per il pieno utilizzo dei servizi offerti su Educare.it, comprese le funzionalità implementate attraverso terze parti.
Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.
In alternativa puoi visionare l'informativa che spiega come disattivare i cookie.