Main menu
sostieni_educareit

Disabilità al nido e alla scuola dell’infanzia: per definire i termini del discorso

disabile piccoloLe educatrici di nido e le insegnanti di scuola dell’infanzia hanno bisogno di rafforzare quelle competenze pedagogiche in grado di sostenere bambini e famiglie con bisogni speciali a conseguire il miglior adattamento possibile al contesto. Con i bambini e le bambine dagli 0 ai 6 anni si può sperimentare efficacemente il passaggio dal “sostegno” al “contesto competente” in quanto il potenziale inclusivo non è solamente nelle relazioni con gli adulti ma, più in generale, nel contesto. L’articolo focalizza le questioni più importanti che la ricerca e la formazione in questo ambito dovrebbero affrontare: i termini del discorso in merito alla disabilità nei servizi 0-6 e le ricadute sulla formazione professionale e sulla definizione di metodologie didattiche inclusive.

L’importanza dei servizi 0-6 anni

Il nido e la scuola dell’infanzia rappresentano un’occasione fondamentale sia per il riconoscimento di problematiche legate allo sviluppo individuale, sia per la prevenzione delle disabilità e degli handicap: un servizio educativo 0-6 che funziona bene è in grado di intercettare precocemente i bisogni educativi speciali. Questa competenza è propria di educatori e insegnanti ben formati, soprattutto in termini di capacità osservative: la grande opportunità che hanno gli operatori in questi contesti è quella di poter organizzare uno sguardo comparativo sui bambini, sul loro percorso evolutivo, così da riconoscere situazioni di difficoltà, di normale differenza, di a-tipica diversità. Nel momento in cui educatrici ed insegnanti riconoscono il bisogno speciale, inizia la fase di attivazione. Il percorso di crescita di un/a bambino/a con bisogni educativi speciali è un percorso complesso ma irrinunciabile, dove si mettono in gioco risorse, aspettative e dinamiche complesse tra famiglia, servizi educativi e servizi sanitari. Il nido e la scuola dell’infanzia sono, quindi, chiamati a individuare strategie articolate e differenti per i bambini che manifestano bisogni speciali, siano essi transitori o stabili. In tale ottica, il nido e la scuola dell’infanzia si presentano come luoghi competenti nella costruzione della rete tra famiglie e istituzioni, agendo un ruolo di primo piano nel creare una comunità indirizzata verso l’integrazione, l’inclusione e la collaborazione. Ambienti pre-scolastici che sappiano rispondere adeguatamente a tutte le difficoltà dei bambini e delle bambine, o in grado di prevenirle, ove possibile, possono diventare ambienti inclusivi dove si eliminano le barriere all’apprendimento e alla partecipazione di ciascuno.

L'articolo completo in italiano è disponibile in allegato per gli abbonati.

Autore: Luca Ghirotto, ricercatore qualitativo in scienze educative e della salute, lavora come assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Scienze Umane dell'Università di Verona e metodologo presso la Direzione Scientifica dell'Azienda USL - IRCCS di Reggio Emilia.

copyright © Educare.it - Anno XVIII, N. 10, ottobre 2018

 

sostieni Educare.it visitando gli sponsor!
© Norme sul copyright
Educare.it è una rivista registrata al Tribunale di Verona il 21/11/2000 al n. 1418. Direttore Responsabile: Luciano Pasqualotto.
I contenuti sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Unported.
Se vuoi citare questo articolo o un articolo di questa sezione, leggi le istruzioni su questa pagina.
E' consentito riprodurre articoli di Educare.it esclusivamente alle presenti condizioni. Ogni abuso sarà perseguito nei termini di Legge.

I cookie sono necessari per il pieno utilizzo dei servizi offerti su Educare.it, comprese le funzionalità implementate attraverso terze parti.
Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.
In alternativa puoi visionare l'informativa che spiega come disattivare i cookie.