Main menu
sostieni_educareit

Vietare il cellulare prima dei 14 anni

Print Friendly, PDF & Email

pellai 2Secondo Alberto Pellai (medico) e Barbara Tamborini (psicoterapeuta dell'età evolutiva), marito e moglie, è sbagliato consegnare un cellulare nelle mani dei bambini prima della fine della terza media. Questa tesi è spiegata nel libro Vietato ai minori di 14 anni (De Agostini) e si basa sulla loro esperienza, le testimonianze dei genitori che incontrano ed i risultati delle più recenti ricerche delle neuroscienze.

Il mondo di internet è come il Paese dei Balocchi di Pinocchio, ci si diverte ma non si cresce perché non richiede alcuna fatica. A coloro che regalano precocemente lo smartphone ai figli perché possano sentirsi parte di un gruppo di coetanei dove ormai tutti (o quasi) hanno il cellulare, Pellai e Tamborini spiegano che la preoccupazione educativa dovrebbe piuttosto essere indirizzata allo sviluppo di competenze sociali nel mondo reale e che, purtroppo, si assiste sempre più ad adolescenti incapaci di coinvolgersi in relazioni vere.

Il definire un'età limite per l’uso dello smartphone (la fine della terza media) significa preparare i bambini ad una scelta educativa che è frutto di un pensiero e non di una (comoda) adesione ad un diffuso comportamento dei nostri tempi. Il mondo digitale richiede un'educazione molto precisa ed "esperta" ed è sbagliato, persino pericoloso sottovalutare questa necessità.

Per sostenere questa posizione educativa, i genitori devono imparare a fare rete tra loro, in modo da non sentirsi soli quando prendono una posizione tanto impopolare nella società di oggi.

 

sostieni Educare.it visitando gli sponsor!

I contenuti provenienti da fonti esterne ad Educare.it sono di proprietà degli autori o editori che li hanno pubblicati.
Eventuali loghi e marchi presenti sotto varie forme in questo sito sono di proprietà dei rispettivi titolari.

I cookie sono necessari per il pieno utilizzo dei servizi offerti su Educare.it, comprese le funzionalità implementate attraverso terze parti.
Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.
In alternativa puoi visionare l'informativa che spiega come disattivare i cookie.