Main menu
sostieni_educareit

Consiglio di classe straordinario

Indice articoli

professoreChe fortuna sfacciata. A ottobre quelli che mi precedono in graduatoria preferiscono aspettare qualcosa di più appetibile di 8 ore settimanali per 15 giorni. Io invece non me le faccio scappare. L'anno prima, il primo dopo la laurea, nemmeno l'ombra di un incarico. Già pensavo a reinventarmi. So fare il pizzaiolo. Avevo già in mente il mio listino: Edipo Re, cipolla e salamino; Baccanti, chiodini porri spadellati e una spolveratina di scaglie di grana; Medea, pomodorini freschi e mozzarella di bufala campana...

È così che mi lusingano che posso anch'io insegnare latino e greco: facendo, per qualche giorno, il supplente della supplente della supplente.

Ma quella - imparo - si rivela una "gravidanza a rischio". Così dopo 15 giorni ne arrivano altri 15. E poi altri 15. E ancora 15 finché a febbraio tutt'a un tratto mi prolungano il contratto fino al termine delle lezioni. 12 punti secchi nella classe A052. Graduatorie aggiornate quella stessa estate. Balzo in avanti pauroso.

A settembre arrivano 18 ore nel liceo dove ho studiato (sempre latino e greco, sempre perché la supplenza è breve). Ormai son dentro - spero. Ma a Natale quella supplenza finisce. Un mesetto a casa e poi 4 ore, stavolta nella A051. Poco male. Niente greco. Solo latino in un linguistico appena riformato. Cioè devo insegnare rosa rosae a una classe che non arriverà mai a res rei. Motivazione zero: loro sono lì per studiare il cinese, mica il latino - mi dicono.

L'anno successivo "retrocedo" ancora: A050 in un liceo artistico. Simpatici gli artisti. Peccato che disegnino a qualsiasi ora, anche in quella di italiano. Poi economico-sociale. Sempre A050, ma senza l'estro dell'artista. Una quinta molto poco avvezza allo studio è l'occasione per provare l'ebbrezza del commissario all'esame di maturità.

E così le ho viste tutte - penso. Ma è un'illusione effimera. Sì perché il destino gioca brutti scherzi a volte: a settembre mi chiama il direttore del CFP dietro casa. Quegli strani casermoni, dove gli "alunni" portano una tuta blu e - ho sempre immaginato - una chiave inglese. 16 ore settimanali fino al 30 giugno. Lingua italiana e storia. Non posso sfidare la sorte... "Quale punteggio? A0... ché? Quelle sono le classi e questo è il tuo orario".

Consiglio di classe straordinario. Abdoul ne ha combinata un'altra delle sue. L'ennesima. Stavolta ha messo le mani addosso a un compagno. Ci sono gli estremi per l'espulsione. Praticamente è sull'orlo della passerella e sotto spuntano le pinne degli squali che danzano in tondo. Manca una piccolissima spintarella. L'ultima. "E tutta la classe ne beneficerà. Finalmente si potrà lavorare perché i picciotti - si sa - senza il loro boss non faranno del male a una mosca". Chi è per l'espulsione alzi la mano. Sette mani ed è fatta: una...

sostieni Educare.it visitando gli sponsor!
© Norme sul copyright
Educare.it è una rivista registrata al Tribunale di Verona il 21/11/2000 al n. 1418. Direttore Responsabile: Luciano Pasqualotto.
I contenuti sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Unported.
Se vuoi citare questo articolo o un articolo di questa sezione, leggi le istruzioni su questa pagina.
E' consentito riprodurre articoli di Educare.it esclusivamente alle presenti condizioni. Ogni abuso sarà perseguito nei termini di Legge.

I cookie sono necessari per il pieno utilizzo dei servizi offerti su Educare.it, comprese le funzionalità implementate attraverso terze parti.
Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookie.
In alternativa puoi visionare l'informativa che spiega come disattivare i cookie.