Educare.it - Rivista open access sui temi dell'educazione - Anno XXIV, n. 2 - Febbraio 2024

Editoriali

  • Scritto da Luciano Pasqualotto
  • Categoria: Editoriali

La scuola laboratorio di pace

Più puntuale delle stagioni atmosferiche, arriva il nuovo anno scolastico. Riprendono i riti quotidiani per milioni di studenti e, inevitabilmente, per i loro genitori.
Ma la ciclicità dell’appuntamento nasconde solo apparentemente il fermento che si cela nel mondo della scuola. Non scriveremo della riforma istituzionale avviata dal Ministro Moratti per concentrarci, questa volta, su aspetti meno macroscopici seppur vitali.

Leggi tutto …

  • Scritto da Luciano Pasqualotto
  • Categoria: Editoriali

La scuola delle tre "E"

Alla ripresa della scuola, il Ministro Fioroni traccia una rotta che si allontana dai punti cardinali individuati dal predecessore Letizia Moratti: informatica, impresa, inglese. La scuola italiana, si legge nei documenti e nelle dichiarazioni, ha bisogno d’altro: meno informatica e più matematica, meno impresa e più scienza; tanto inglese, ma anche grammatica e sintassi della lingua italiana. La scuola italiana abbandona così le "3 I" del governo Berlusconi e torna alle conoscenze di base, indispensabili per comprendere quelle avanzate. Coloro che amano la sintesi scrivono - criticamente - che la scuola del Ministro dell’Istruzione si fonda su “3 S” (severità, storia, sintassi) e rimproverano a Fioroni un anacronistico ritorno alla tradizione.

Leggi tutto …

  • Scritto da Luciano Pasqualotto
  • Categoria: Editoriali

Salviamo le madri (ed i padri)

Su alcune questioni vi è una sorta di "pensiero unico", un’unica visione, senza alternative.
Un tempo spettava ai filosofi il ruolo dei contraddittori, capaci per mestiere di "pensare in libertà" e perciò di superare le barriere, spesso piccole ed invisibili, del senso comune e dei monoteismi culturali. Voci sempre più rare oggi, in tempi votati prevalentemente alla produttività ed al consumo, condizionati dalla televisione e dalla tracotanza informazionale.
Ma il problema è reale, soprattutto quando si adottano in modo acritico concetti che hanno pretesa di scientificità, che diventando così "verità" su cui fioriscono teorie, metodi ed approcci pericolosamente assiomatici.

Leggi tutto …

  • Scritto da Luciano Pasqualotto
  • Categoria: Editoriali

Ritorno agli invisibili

Siamo tutti figli di una cultura razionalista e positivista. Un orientamento del pensiero comune e delle scienze che ha prodotto grandi progressi, tra scoperte e tecnologie, ma che ha negato tutto ciò che non è riuscita a spiegare, analizzare, dimostrare, classificare.
Proprio perché si tratta di un pensiero forte e vincente, ha finito per attrarre, azzerandoli, i presupposti su cui sono nate e cresciute le scienze umane.
La psicologia "ufficiale" finisce così per assomigliare ad una scienza delle misurazione, che ha nella certezza delle statistiche e delle classificazioni ufficiali (DSM-IV, ICD-10, ICF …) la propria forza. Oppure a quella psichiatria che riduce tutti gli eventi mentali alla biologia.

Leggi tutto …